Home » Ricette » Cucina » Come conservare lo zenzero

Come conservare lo zenzero

Ottimo ingrediente per innumerevoli ricette risulta “scomodo” perché si deteriora facilmente. Ecco un modo furbo per mantenerlo sempre fresco in cucina

Come conservare lo zenzero

­Lo zenzero è una pianta originaria del sud est asiatico caratterizzata da un grosso rizoma (fusto sotterraneo) ricco di principi attivi e impiegato sia per usi medicinali che alimentari.
La versione essiccata viene adoperata come spezia soprattutto nella cucina indocinese per ricette di zuppe e salse ed è uno degli ingredienti base dei gingerbread, i biscotti natalizi tipici del Nord Europa, America e Inghilterra.

Viene poi usato come aromatizzante nella preparazione di liquori e cocktail (tra cui il ginger ale) e anche per delle tisane corroboranti.

Lo zenzero possiede innumerevoli proprietà:

  • è un ottimo digestivo
  • migliora la circolazione periferica
  • svolge un'azione antinfiammatoria
  • stimola il metabolismo dei grassi
  • è un alimento riscaldante
  • è un toccasana per sintomi influenzali e infreddature
  • è efficace contro nausea e diarrea

Per tutti questi motivi possiamo capire quanto sia importante introdurlo nella nostra alimentazione, sia essiccato che fresco, magari grattugiato al momento per donare ai piatti la sua particolare nota speziata.

Come mantenerlo?
La radice tende a deteriorarsi molto velocemente e spesso capita che bisogna buttarne via buona parte perché ammuffisce in fretta. Come fare quindi per conservare lo zenzero fresco?
La soluzione è grattugiarlo finemente e riporlo nel freezer, pronto per un tocco orientale da dare alle proprie ricette o come toccasana per una tisana riscaldante invernale.

Vediamo passo passo come procedere.


Per prima cosa è necessario sbucciare bene le radici e grattugiarle finemente, separando quindi la polpa dalla parte fibrosa. La prima sarà quella che potrà essere usata in cucina, l'altra invece per la preparazione delle tisane.



Grattugiando si formerà anche un prezioso succo che potrà essere miscelato con acqua e limone per ottenere un'ottima bevanda da sorseggiare durante la giornata.



A questo punto basta prendere un foglio di pellicola per alimenti e disporre la polpa nella quantità di un cucchiaino per ogni porzione, ognuna ben distanziata dalle altre, in modo da conservare lo zenzero nella dose giusta da poter essere facilmente utilizzata.


Tagliare la pellicola attorno alla polpa e richiuderla a mo' di caramella creando così delle monoporzioni e metterle in un sacchetto da riporre nel congelatore ricordandosi di scrivere su un'etichetta il nome dell'ingrediente e data di preparazione.


Una volta imparato come conservare lo zenzero fresco sarà più semplice e comodo sbizzarrirsi in cucina, tentare nuove ricette o dare un tocco più deciso a quelle classiche.

Di Elisa Gamberi, © Riproduzione Riservata
TAG  zenzero  
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS

Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]  

Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami