Home » Ricette » Cucina » Come conservare il basilico, le tecniche migliori - Parte 1 di 2

Come conservare il basilico, le tecniche migliori

Congelatore, olio, sale ed anche l'essiccazione, queste sono le possibilità per avere a disposizione fuori stagione questa pianta profumatissima

Come conservare il basilico, le tecniche migliori

Tra le piante aromatiche più utilizzate, il basilico è parte della nostra tradizione culinaria, da nord a sud.
Ingrediente principale del pesto genovese viene impiegato anche per insaporire piatti con melanzane o nelle insalate e alcuni lo mettono anche sulla pizza.
Ma quando non è la sua stagione, come conservare il basilico per averlo sempre a disposizione anche in autunno o in inverno?
Per rispondere a questa domanda ecco alcuni metodi ed consigli per poter avere a disposizione quest'erba aromatica profumatissima e ingrediente in tante ricette e piatti.



Come conservare il basilico fresco
Si possono tagliare dei rametti e conservarli come dei fiori in un vaso con acqua che andrà cambiata ogni tre o quattro giorni per mantenere le foglie della pianta fresche e profumate. Questa tecnica non è duratura a causa del deterioramento naturale della pianta, come accade per i fiori recisi dopo un paio di settimane vedrete le foglie appassire.

Per poter avere disponibile il basilico all'occorrenza è possibile seguire diverse strade: congelarlo, conservarlo sotto sale, conservarlo sott'olio.



Congelarlo
Per il congelamento vi sono un paio di tecniche. La prima prevede di frullare il basilico dopo averne pulito accuratamente le foglie senza aggiungere nulla e conservarlo nei contenitori per i cubetti di ghiaccio. In questo modo averete delle singole porzioni e potrete usarlo all'occorrenza per fare del pesto o aggiungerlo per insaporire le vostre pietanze.
Come conservare il basilico se invece volete e foglie intere? In questo caso dovete staccare le singole foglie (solo quelle integre e belle), lavarle per bene, avvolgerle singolarmente con della pellicola trasparente e porle in congelatore per circa tre ore. Serve poi un contenitore sotto vuoto, anche una busta, importante che permetta di eliminare l'aria.
Togliete la pellicola dalle foglie e riponetele tutte insieme nel contenitore prescelto e rimettetele in congelatore. Potrete così estrarle all'occorrenza ed usarle intere in preparazioni dove il basilico può essere aggiunto alla pietanza congelato, altrimenti dovete riportarlo a temperatura ambiente prima di impiegarlo. La durata del basilico in congelatore è di quattro o cinque mesi.

Di , © Riproduzione Riservata

PAGINA 1 DI 2
TAG  basilico  
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS

Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]  

Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami