Home » Ricette » Cocktail e Bevande » Latte di mandorle

Latte di mandorle

Quando arriva l’estate, ma in realtà appena fa un pochino caldo, si sente il bisogno di bere qualcosa di fresco e allo stesso tempo magari nutriente, niente di meglio allora che il latte di mandorle.

Latte di mandorle

MandorlePer chi ha avuto la fortuna di un bel viaggio in Sicilia, ci sarà stata sicuramente l’occasione di berlo nella terra di origine, accanto alle località più famose, basti pensare alla Valle dei Templi, che tra aprile e maggio si tinge romanticamente di rosa, grazie proprio all’enorme quantità di mandorli in fiore, uno spettacolo emozionante e molto suggestivo che fa bene agli occhi e al cuore, un vero regalo della natura. Molte mandorle che sono in commercio provengono infatti proprio dalla Sicilia, ma altrettante dai Paesi africani in cui, grazie ad un clima assolutamente caldo e favorevole, lo sviluppo è annualmente assicurato e copioso.
Le mandorle appartengono alla categoria della frutta secca, sono ricche di sostanze nutrienti molto valide, tra cui proteine, lipidi e sali minerali tra cui il magnesio, indicate anche alle persone con un umore diciamo “non allegro”.
Il latte di mandorla, da esse ricavato, è una bevanda semplice da preparare anche in casa; per i più pigri, invece si può optare per quello già pronto e confezionato al supermercato, oppure preparato al bar.

Che cosa occorre per la preparazione?
Procuratevi 300 grammi di mandorle sgusciate (tale grammatura è valida per ogni litro di acqua). Lasciate poi le mandorle per 15 minuti a bagno nell’acqua calda, questo favorirà l’eliminazione della pellicina. Mettete poi il tutto in un frullatore, aggiungete circa 800 cc di acqua calda e fate frullare.
In questo modo otterrete un liquido di colore bianco intenso, opaco e denso.
Passatelo in un colino, mettete da parte il liquido e frullate la rimanente polpa nei 200 cc di acqua avanzata.
Un tipo di latte alternativo a questo, ma altrettanto sano e naturale, è quello ricavato dal riso, in questo caso è sufficiente procurarsi 100 grammi di riso integrale per ogni litro di acqua (come per le mandorle).
Prima di tutto sciacquate velocemente il riso, sotto il getto diretto dell’acqua, scolatelo bene e mettetelo in una pentola di acciaio alta, aggiungete l’acqua, fate cuocere per 2 ore, poi filtrate con un colino.
Sia il latte di mandorla sia quello di riso si possono conservare in frigo al massimo per tre giorni, meglio se chiusi ermeticamente in una bottiglia di vetro perfettamente pulita (vanno bene quelle del latte).
Prima di servirlo, sempre fresco per apprezzarne le qualità e la bontà, è bene agitare bene.
È possibile mixarli tra loro, e in entrambi i casi è possibile, sempre in base al gusto personale, aggiungere dello zucchero o altro dolcificante. Tenete presente che dal punto di vista nutrizionale entrambi contengono zuccheri naturali, ma soprattutto il vero sapore si sente senza integrare con nulla.
Sono entrambi valide alternative alle tante bevande “colorate” del commercio, economici, facili da fare, sani e naturali, si prestano per la merenda dei bambini, ma anche per un break di adulti e persone anziane.

Mandorlat

Al supermercato è possibile, ma non sempre facile, trovare i panetti concentrati di latte di mandorle, basta farli sciogliere nell’acqua e il gioco è fatto, questo è un piccolo consiglio per i più pigri, o per chi magari non ha la pazienza di cercare, scegliere, lavare ecc la materia prima!
Non mi resta che dirvi buon latte di mandorle a tutti!

Di © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS

Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]  

Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami