Home » Ricette » Alimenti » Semi di Chia

Semi di Chia

Dal Sud America questi semi preziosi per la nostra alimentazione. Da provare!

Semi di Chia

La globalizzazione ci porta “a casa” prodotti sconosciuti che arrivano da Paesi molto lontani, i quali da noi spesso risultano essere anche molto interessanti e utili per la nostra salute. E' il caso dei semi di Chia, ne avete mai sentito parlare? Li avete mai provati?

I semi di Chia sono ricavati da una pianta, la Salvia hispanica, presente in modo diffuso in Sud America.
Il loro contenuto in calcio è ragguardevole e degno di nota: ben 600 mg su 100 grammi di prodotto, così come la presenza in Omega 3 e Omega 6, che raggiunge il 20% del loro peso. A questo si vanno ad aggiungere ferro, vitamina C e vitamina A, potassio, selenio, ecc. Dal punto di vista degli aminoacidi troviamo metionina, cisteina e lisina, importanti per la costituzione delle proteine.


I semi di Chia sono più che altro utilizzati da chi vuole in qualche modo integrare la dieta per l’apporto in calcio, ma anche da chi vuole tenere sotto controllo il livello glicemico nel sangue, ovvero il contenuto in zuccheri.
Ideali anche per chi soffre di ipertensione, da aggiungere in insalate o sulla carne o sul pesce per andare a sostituire il sale.
Li può consumare tranquillamente anche chi soffre di celiachia, poiché non contengono glutine.
Molti li usano nelle diete dimagranti, poiché sono un’ottima fonte di energia e considerati stimolatori del metabolismo, grazie al contenuto vitaminico e mineralico, ma per questo argomento vi rimando alla lettura delle calorie.

Quante calorie forniscono?
Un cucchiaio (ovvero circa 10-15 grammi) di semi di Chia fornisce circa 70 calorie, 3 grammi di proteine e 7 grammi di carboidrati. I semi non contengono colesterolo.
Vedi tabella seguente:


Dove trovarli in commercio?
Possiamo reperire i semi di Chia da esattamente 3 anni, ovvero da quando la UE ne ha permesso la commercializzazione all’interno dell’Unione, ad esempio nei negozi del commercio equosolidale, i quali li importano da Bolivia e Messico, che sono i maggiori Paesi produttori.
Di fatto il commercio di questi semi è molto antico, infatti furono gli spagnoli quando arrivarono nelle Americhe a scoprirli e ad importarli.


Come utilizzarli in cucina?
I semi di Chia hanno molti impieghi in cucina: si possono utilizzare a partire dalla colazione , per integrare altri cereali in latte o yogurt, in frappé e frullati, oppure da sgranocchiare come snack salutare, vengono utilizzati per fare pane o biscotti, ma anche zuppe, budini o dolci o per condire insalate. Il loro uso è simile a quello dei semi di sesamo o ai semi di girasole.
La loro conservazione è legata al contenitore: meglio se di vetro ed ermeticamente chiuso per farli durare anche fino a 2 anni.

Di © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami