Home » Ricette » Alimenti » Ortica

Ortica

L'ortica è una pianta molto diffusa in Italia. Viene usata per la preparazione di decotti o come ingrediente per gustose ricette.

L’ortica è un pianta diffusa parcamente ovunque, in Italia, si trova lungo le strade, nei boschi, nei campi e terreni incolti, accanto a case o costruzioni abbandonate, e persino i bambini conoscono la peculiarità di questa “pungente” e apparentemente innocua pianticella, che dal mare alla montagna se raccolta senza guanti… provoca dolori!

Toccarla o anche solo sfiorarla a mani nude provoca la cosiddetta orticaria praticamente istantanea, piccole vescicole si gonfiano sulla pelle nella parte dove è avvenuto il contatto, per poi scomparire dopo un pochino di “sofferenza” epidermica.

Le foglie hanno un picciolo ovale e oblungo, i fiori sono raggruppati in spighe, quelle che portano quelli maschili sono erette, mentre quelle che portano i fiori femminili sono pendule. Indipendentemente dal sesso hanno quattro tepali i quali racchiudono quattro stami per i fiori maschili e quattro ovari per i femminili.

Questa pianta  può essere impiegata in vari modi a livello erboristico, infatti è bene ricordarsi quando raccoglierla e come conservarla.
Da aprile a settembre è consigliabile raccoglierla, (non sarà difficile dimenticare i guanti), tagliatela tenendovi a circa 10 cm dal terreno, e fatene tanti mazzetti, che potrete poi far essiccare assolutamente all’ombra, dopo averla rinfrescata con acqua e asciugata bene.
Quando raccogliete l’ortica, ma ciò vale in generale per tutte le erbe e piante raccolte, fatelo al mattino presto, quando c’è ancora la rugiada che copre le foglie, non quando il sole è alto nel cielo.
Ritornando all’ortica, una volta che è ben secca, riponetela in sacchetti di carta o di tela.

Per ciò che concerne le caratteristiche dell’ortica si tratta di una pianta che veniva usata già anticamente, addirittura per fustigarsi in quelle parti del corpo doloranti, per provocare una reazione benefica.
Il liquido che causa irritazione, contiene istamina e aceti colina, si neutralizza semplicemente con la cottura.

L’ortica si usa per molti utilizzi, per contrastare i disturbi dell’apparato digerente, inoltre svolge una interessante azione depurativa, diuretica, diminuirebbe anche il livello di glucosio ematico (dato ancora da approfondire) a livello scientifico, favorirebbe inoltre l’abbassamento dei cloruri e degli acidi urici.

In caso di disturbi dell’apparato intestinale, è possibile preparare usando la pianta fresca, un facile succo, frullandole e bevendone dai 5 ai 6 cucchiai al giorno. Oppure utilizzando le foglie secche si può procedere alla preparazione di un infuso con 5 grammi in 100 ml di acqua, bevendone 1 cucchiaio ogni tre ore, oppure una tazza al giorno.

Per i capelli grassi e con forfora ci si può preparare un decotto al 5%, frizionandolo sul cuoio capelluto almeno 2 volte alla settimana.

L’ortica a livello culinario è molto buona e adatta per zuppe, minestre e per le frittate, dona un gradevole sapore, e arricchisce a livello proteico e dunque aminoacidico la pietanza che la contiene tra gli ingredienti.

Di © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI
<ARTICOLO PRECEDENTE Coito interrotto di Bianca Fracas - PsicoSessuologa

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami