Home » Ricette » Alimenti » Frutta candita: proprietà e calorie

Frutta candita: proprietà e calorie

Soprattutto durante il periodo di Natale, ma non solo, è possibile vedere in alcuni negozi o al supermercato la frutta candita. Colorata, attraente e soprattutto buonissima. Scopriamone le caratteristiche principali.

Frutta candita: proprietà e calorie

La canditura di un alimento è un metodo di conservazione di frutta (ma non solo!), che prevede l'immersione dello stesso in uno sciroppo di zucchero.
La parola candire proviene  infatti dall'arabo qandat, ovvero zucchero. I prodotti che si ottengono con la canditura prendono il nome di canditi o frutta candita.


Frutta candita
Caratteristiche nutrizionali e caloriche
Le qualità nutrizionali della frutta utilizzata purtroppo si perdono quasi totalmente, mentre qualche vitamina si mantiene. Normalmente si utilizza lo zucchero di barbabietola, ma tutti gli zuccheri alimentari sono utilizzabili. É possibile anche usare il miele per candire, ne deriva una candidatura di pregio e più costosa. Il contenuto in zucchero della frutta candita è superiore al 70%.
Ovviamente per le ragioni sopra indicate non si tratta di un alimento adatto a persone che soffrono di diabete o con problemi di sovrappeso o obesità : ad esempio per 100 gr. di ciliegie candite avremo 306 Kca, mentre 100 gr. di scorza d'arancia candita fornisce 313 Kcal.
Il contenuto di zuccheri elevato fa sì che i canditi si possano conservare a lungo nel tempo. Leggere sempre con cura la data di scadenza riportata sulla confezione, consiglio valido sempre per tutti gli alimenti.

Storia
Lo zucchero era già ampiamente utilizzato come mezzo di conservazione degli alimenti anche in culture a noi lontane, come in Cina o in Mesopotamia, così come nei Paesi Arabi, dove venivano offerti agli ospiti agrumi e rose candite, o all'epoca dei Romani, che invece servivano il pesce candito.
In Italia, i canditi diventano un ingrediente fondamentale per la preparazione di alcuni dei dolci più famosi della tradizione culinaria: il panettone e la cassata siciliana.

Frutta candita
Prodotti canditi
Oltre alla frutta candita, tra cui spiccano agrumi, albicocche, castagne, ciliegie, mango, papaya ecc, da non dimenticare anche la zucca e il melone. Più particolari, ma non introvabili, sono lo zenzero candito e i fiori, tra cui la borragine, la mimosa, la rosa e la viola.

La frutta candita, così bella, colorata e buona, potrebbe rappresentare un simpatico regalo di Natale, magari all'interno di un cesto, congiuntamente ad altri prodotti tipici di questo periodo.

Di © Riproduzione Riservata
TAG  canditi   natale   nascita  
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS

Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]  

Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami