Obbligati a essere felici: come affrontare l’ansia e la tristezza della depressione natalizia

Redazione Amando  | 24 Nov 2023

Le cause principali di questo senso di malessere possono dipendere anche dalla paura del domani: il mese di dicembre segna la “morte” dell’anno, la fine di un ciclo e l’inizio di uno nuovo. Come tutti i momenti di transizione possono celare una perdita e quindi creare ansia. L’allegria che può seguire il capodanno è proprio la compensazione di un lutto simbolico che sta passando. Inoltre il nuovo anno rappresenta un cambiamento verso l’ignoto dove vengono riversate le speranze per un futuro migliore. Ovviamente chi è insicuro teme di rimanere bloccato nel passato.

1 Depressione natalizia: ecco perché se ne soffre

A soffrirne di più sono soprattutto coloro che non stanno vivendo una situazione ideale soprattutto sentimentalmente! Pare proprio che a risentire maggiormente di questo disturbo siano le persone che non hanno ancora trovato l’anima gemella, o che l’ hanno appena persa. E sì Natale e annessi, sono feste fatte per scambiarsi regali all’ombra dell’albero di Natale, di coppie che si baciano sotto al vischio e si promettono amore eterno, oppure di famiglie ideali composte da bambini splendidi e perfetti.

2 Quali sono i sintomi del Christmas blues e come difendersi?

Mal di testa, insonnia o dormire troppo, cambiamenti nell’appetito causati da perdita o aumento di peso, agitazione o ansia, senso di colpa eccessivo o inappropriato, diminuzione dell’interesse in attività che normalmente portano piacere come cibo, sesso, lavoro, amici, hobby e divertimenti.

Innanzi tutto non bisogna autocommiserarsi perché è la cosa peggiore che potremmo fare! Evitiamo di “invidiare” tutte le coppie che ci passano davanti, non è tutto oro quel che luccica, e ricordiamoci che la maggior parte delle coppie in realtà non sono poi così felici (come spiegarsi se no l’enorme numero di separazioni?)

Sarebbe poi, necessario cercare di:

  • Minimizzare le aspettative e trasformare il Natale in una “festività normale”.
  • Avere un programma organizzato per il periodo non troppo diverso da quelli di altre feste.
  • Non formulare propositi di cambiamenti totali dopo Capodanno.
  • Attività fisica all’aria aperta, nonostante il clima e soprattutto nelle ore di luce.
  • Proporsi obiettivi realistici: organizzare il proprio tempo, fare liste, priorità, fare un budget e seguirlo.
  • Uscire dalla ritualità delle feste e cercare di inventare modi nuovi o diversi per celebrare il Natale.
  • Permettere a se stessi di essere tristi o malinconici: sono sentimenti normali particolarmente sotto Natale.
Redazione Amando
Redazione Amando

La redazione di Amando.it è composta da quattro persone, che si occupano di realizzare guide, contenuti e notizie legati al mondo femminile: dalla moda all'oroscopo, dalla salute alle mamme.



Articoli più letti

©  2024 Valica Spa. P.IVA 13701211008 | Tutti i diritti sono riservati.
Per la pubblicità su questo sito Fytur