Home » Feste » Natale » Regifting: come ti riciclo il regalo

Regifting: come ti riciclo il regalo

Regali inutili, che non vi piacciono, che non sapete come usare oppure doppioni ? Nessun problema perché da oggi con l'aiuto di internet è possibile riciclare i doni e pare che ormai non sia nemmeno più un tabù

Regifting: come ti riciclo il regalo

Alzi la mano chi non ha mai riciclato un dono; sebbene non faccia parte delle regole di bon-ton tutti, almeno una volta nella vita, lo hanno fatto.
Un tempo si organizzavano le riffe tra amici, oppure gli oggetti sgraditi venivano chiusi in qualche cassetto per essere prontamente tirati fuori alla prima occasione utile; oggi all'epoca di internet, invece, il regalo natalizio non gradito può diventare fonte di guadagno!
Questa tendenza si chiama regifiting, è nata in America, ma sta sempre più prendendo piede anche in Italia, complice la crisi economica.
Da un sondaggio emerge che il 54% delle persone intervistate non ritiene l'arte del riciclare un atteggiamento maleducato, il 37% lo ha fatto almeno una volta, sono le donne tra i 35 e i 54 anni a farlo più volentieri ma c'è ancora un 53% che preferisce non rivendere o riusare i regali per rispetto del donatore.


Credits: Foto di @jeshoots-com | Pixabay
Come funziona esattamente?
Secondo le stime i regali di Natale peggiori di cui la gente si vuole sbarazzare sono quelli ricevuti da suocere e cognati: profumi non graditi, sciarpe o cravatte dalle fantasie orripilanti, bottiglie di spumante di dubbia origine e quant'altro.
E pare che il 18 gennaio per i siti di “riciclo on-line” sia considerato il “capodanno del regifting” perché in questa data si registra il picco massimo di inserzioni su internet nelle quali la gente vende gli oggetti non graditi.


Se anche questo Natale riceverete pacchetti sgraditi e inutilizzabili, ecco come fare per rivendere le cose senza incappare in situazioni imbarazzanti e allo stesso tempo guadagnarci qualcosa!
Per prima cosa accertatevi che il regalo da vendere non sia un oggetto unico e raro (un vaso dipinto a mano per voi, un maglione lavorato a maglia con le vostre iniziali, etc.), in questo caso un domani potrebbe ricapitare tra le mani di chi ve lo ha offerto e la cosa non sarebbe molto carina.
Dal momento, però, che quasi sempre si tratta di oggetti commerciali, facendo attenzione ad alcuni passaggi non ci saranno problemi!

  1. Iscrivetevi ad un sito di vendite on-line: ce ne sono davvero tanti, alcuni specifici per l'abbigliamento, altri generici, dove è possibile vendere dal pigiama con gli orsacchiotti alla collana con le bamboline a oggetti di tecnologia. Al momento della registrazione meglio usare una mail generica, non quella che usate con parenti e amici e usare uno pseudonimo.
  2. Fotografate l'articolo che intendete vendere, descrivetelo in maniera accattivante e dettagliata e precisate che si tratta di un oggetto nuovo appena scartato.
  3. Evitate di buttare via la confezione, l'etichetta o l'imballaggio e tutto ciò che attesta si tratti di un oggetto mai usato.
  4. Togliete biglietti d'auguri e letterine che lo accompagnano.
  5. A seconda del sito potete scegliere se metterlo all'asta partendo da cifre basse, oppure definire un prezzo fisso.
  6. Decidete il metodo di pagamento e le modalità di spedizione prediligendo quelli più sicuri e immediati.

Di , © Riproduzione Riservata
TAG  natale   regali di natale  
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami