Home » Moda » Abbigliamento » Tendenze moda della Milano Fashion week di settembre 2015 - Parte 1 di 2

Tendenze moda della Milano Fashion week di settembre 2015

Le sfilate sono giunte al termine, la settimana della moda milanese ha avuto per protagonisti i designer tra i più famosi al mondo che, di volta in volta, hanno presentato le loro ultime novità e tendenze per la prossima stagione calda

Tendenze moda della Milano Fashion week di settembre 2015

Il mese di settembre è dedicato alle sfilate che definiscono le nuove tendenze della prossima stagione calda, in questo caso si parla di quelle della primavera/estate 2016. Nei giorni della Milano Fashion week sono stati realizzati tanti show esclusivi e unici volti a presentare le collezioni destinate a invadere le boutique tra qualche mese.

Guardando le ultime proposte presentate sulle passerelle abbiamo individuato quelle che sono le tendenze moda più cool. Quali sono? In genere assisteremo a un ritorno del tailleur, dei look di fine anni ’60 ma rivisitati nei materiali, che diventano più preziosi ma anche più leggeri, a un mix cromatico esclusivo e, più in genere, a una nuova femminilità.

La donna di Gucci by Alessandro Michele


Da quando c’è stato il cambio di rotta alla guida della maison fiorentina tutto è cambiato. Alessandro Michele, che da poche stagioni è il direttore creativo di Gucci, ha portato una ventata di freschezza inaspettata ma straordinaria e anche in questa collezione si è distinto. La sua donna guarda a Oriente, in particolar modo al fatato e incantevole mondo giapponese, ma non solo, perché intraprende un vero e proprio viaggio nel mondo, facendo tappa qui e là e ‘rubando’ tessuti, fantasie e cromie must in ogni angolo della Terra. Il must have di Gucci è la cravatta con la bocca rossa.



Il nuovo Cavalli di Dundas


Chi è Dundas? Il suo nome è Peter ed è il nuovo direttore creativo della casa di moda fondata da Roberto Cavalli. Lo stilista fiorentino ha lasciato la sezione creativa e l’ha affidata per la prima volta a uno degli stilisti più bravi e promettenti del panorama internazionale, che fino alla scorsa fashion week è stato alla guida di un’altra casa di moda italiana: Emilio Pucci.

Ad ogni modo, la rivoluzione ai vertici è completata, perché Dundas ha cambiato quasi totalmente il dna della maison, proponendo vestiti indossabili e piuttosto particolari, inaspettati e poco da red carpet. La resa finale? Non straordinaria come sempre, semplicemente diversa. Il must have è la gonna aperta davanti e lunghissima dietro corredata di righe.

Di © Riproduzione Riservata

PAGINA 1 DI 2
CONDIVIDI

GOOGLE ADS