Home » Mamma » Parto » I disturbi del post parto

I disturbi del post parto

A quali malesseri fisici si può andare incontro in seguito al parto?

I disturbi del post parto

Nel periodo compreso tra la nascita del bambino e la comparsa delle prime mestruazioni, la donna che ha partorito può andare in contro ad alcuni problemi fisici, oltre che psicologici, prima di riuscire a tornare in piena forma. Si tratta di disturbi passeggeri, che nella maggior parte dei casi non sono nulla di preoccupante e non devono allarmare. Vediamo insieme quali sono, i malesseri che provocano e i rimedi.

Punti di sutura
In seguito all'epistomia (la incisione fatta all'inizio della vagina per facilitare la fuoriuscita del bambino) vengono applicati dei punti di sutura che spesso causano formicolii, indolenzimento e fastidio nella zona vaginale. In alcune donne compare anche bruciore durante la minzione.
È importante che la donna abbia un'accurata igiene intima, facendo lavaggi frequenti con disinfettanti da sciogliere in acqua tiepida. Per asciugare meglio evitare le salviette, ma l'ideale è l'aria tiepida del phon, che velocizza la cicatrizzazione.
I punti si riassorbono entro ¾ settimane dal parto, e con loro scompaiono anche i disturbi.


Emorroidi
Spesso lo sforzo del parto causa la comparsa delle emorroidi, soprattutto nelle donne già predisposte o che hanno aumentato di molto il loro peso.
In questi casi sono utile le pomate che non hanno controindicazioni in caso di allattamento, perché la loro azione è solo locale. Poi è consigliato seguire una dieta ricca di frutta e verdura cotta, per facilitare il transito intestinale, e subito dopo il parto può essere utile mettere una borsa del ghiaccio per alcune ore.
Se affrontato subito e prima che compaia la stipsi, il problema delle emorroidi si risolve nel giro di alcuni mesi. Tuttavia il disturbo può anche comparire nuovamente dopo il parto.

Perdita di urina
Dopo la gravidanza e il parto alcune donne hanno piccole perdite di urina, in seguito a una risata, uno starnuto o un colpo di tosse. Ciò avviene perché il perineo ha perso elasticità e, rilassandosi, abbassa la vescica, che così non è più in grado di trattenere la pipì.
È importante fare immediatamente esercizi per ridare tono alla muscolatura e nella maggior parte dei casi il problema si risolve in un paio di mesi.

Lochi
Anche chiamate lochiazioni, si tratta di secrezioni semisolide che hanno origine dall'utero e vengono espulse dalla vagina durante i 20-40 giorni dopo il parto. Prima sono formate da sangue fluido di colore rosso e da coaguli, poi diventano più chiare per la minore presenza di sangue. Dopo due settimane diventano giallo intenso e al loro interno contengono molti globuli bianchi.
È un fenomeno naturale, che però richiede alcune accortezze per evitare le infezioni. Per prima cosa igiene intima accurata e scrupolosa, cambiare spesso assorbente e non usare tamponi interni. Infine non avere rapporti senza preservativo fino a che vi sono le perdite.
In alcune donne i lochi spariscono entro 20 giorni, mentre in altre perdurano per oltre un mese.


Morsi dell'utero

Dopo l'espulsione della placenta diminuisce il volume dell'utero, tornando al peso e alle dimensioni naturali. Durante questo processo si hanno una serie di contrazioni molto fastidiose e dolorose, definite morsi. Le contrazioni sono forti durante l'allattamento a causa del rilascio di ossitocina, ormone che si scatena nella suzione del capezzolo e che causa contrazioni dell'utero. Il dolore scompare non appena l'utero torna alle sue normali dimensioni. È sconsigliabile prendere farmaci, ma piuttosto pensare che nell'arco di 3-4 settimane il fastidio scomparirà.

Di © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

1 COMMENTI   Vuoi lasciare un commento?

  1. Inviato da Asiana
     

    Buongiorno e complimenti per l'articolo, che ho letto con molto interesse.
    Dopo mesi dal secondo parto (episiotomia con 6 punti) il mio corpo non è ancora tornato alla normalità: tra le altre cose mi dà particolarmente fastidio il dolore della cicatrice, che sento soprattutto quando cerco di avere rapporti con mio marito. Mi sono interessata e ho trovato su internet notizie su una terapia laser che pare risolva il problema. Qualcuno ne ha sentito parlare? Vorrei avere qualche parere di donne che l'hanno provato, sto seriamente pensando di sottopormi al trattamento.

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS

Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]  

Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami