Home » Mamma » Neonato » Pelle del neonato, i prodotti migliori per la cura

Pelle del neonato, i prodotti migliori per la cura

La pelle del neonato deve essere curata con prodotti idonei, rispettosi della sua sua cute delicata e sensibile

Pelle del neonato, i prodotti migliori per la cura

Il bambino, da quando nasce fino ai 12 anni circa, ha una pelle fisiologicamente diversa da quella di adulti e adolescenti. Durante i primi anni di vita infatti la cute risulta molto secca. Il film idroacidolipidico non la lubrifica e per tanto è priva di sebo. Un'altra differenza sostanziale tra la pelle del neonato e quella di un adulto, è lo spessore. Nei bambini è molto sottile, circa 5 volte di più rispetto alla nostra, e per tanto maggiormente delicata e sensibile.

I prodotti che una persona utilizza sulla propria pelle risultano quindi troppo aggressivi per quella del bambino, che necessita piuttosto di detergenti semplici e molto naturali.

Il proverbio “meglio pochi ma buoni” calza a pennello quando si parla di cosmetici per neonati. Oltre a non aggredire la loro cute, devono inoltre aiutarla a difendersi dai possibili attacchi fisici e chimici dell'esterno, creando una barriera contro i batteri.

Prodotti adatti per la pelle del neonato
Il neonato non ha bisogno di molte cure cosmetiche. Da quando nasce fino al compimento dell'anno di età, basta utilizzare amido di riso o un olio per il bagnetto. Per proteggere invece la pelle dagli arrossamenti delle zone intime, causate soprattutto dall'uso continuo di pannolini, va bene una crema alla calendula acquistata in farmacia e un talco assorbente. Quest'ultimo però deve essere utilizzato sporadicamente, alcuni studi avrebbero evidenziato che la polvere può creare problemi alle vie respiratorie. È importante comunque far sgambettare il bambino nudo se il tempo lo consente, così da permettere alla pelle di respirare e non irritarsi.

Per pulire la pelle del corpo in modo naturale è perfetto un olio vegetale senza profumazioni aggiunte, come ad esempio quello di mandorle dolci.

Per proteggerla da irritazioni e arrossamenti vanno bene pomate all'ossido di zinco o comunque con proprietà lenitive e chiaramente indicate per la pelle del neonato. Sono invece da evitare tutte quelle creme di origine petrolchimica e con siliconi all'interno.

La pelle deve essere asciugata sempre con cura tamponando e non sfregando, soprattutto dove vi sono le pieghe, zone particolarmente sensibili e che tendono a rimanere umide.

Qualora la cute del neonato risultasse particolarmente secca, andranno utilizzate pomate lenitive.

Perché utilizzare prodotti diversi?
I motivi per cui la pelle del bambino necessita di prodotti specifici sono molti. Per prima cosa dobbiamo tenere in considerazione che le ghiandole sebacee durante i primi 12 mesi di vita non funzionano bene e per tanto manca lo strato di grasso protettivo sulla cute.

Non funzionano le ghiandole sudoripare e quindi il corpo non è capace di raffreddarsi e regolare la temperatura. Manca anche il mantello protettivo acido, il quale protegge la pelle da funghi e batteri. Dopo le prime sei settimane il pH passa da neutro ad acido e la cute diventa più resistente. Nel frattempo, è bene utilizzare prodotti naturali e non aggressivi.

Infine, i bambini non producono melanina durante il primo anno di età. Ecco che non vanno esposti al sole diretto. Tuttavia avendo una pelle molto sottile, le creme passano dall'organismo e per tanto non vanno utilizzate creme solari così come nessun altro tipo di prodotto aggressivo solitamente utilizzato dagli adulti.

Di Claudia Lemmi, © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami