Home » Mamma » Neonato » Cromoterapia per bimbi

Cromoterapia per bimbi

Pochi forse lo sanno ma la cromoterapia può influire positivamente sulla salute dei bambini. Vediamo insieme cos'è, come si pratica, e quali sono i destinatari di questa terapia.

Cromoterapia per bimbi


La cromoterapia è stata sviluppata da Peter Mandel, fondatore della DEPT (Diagnosi Energetica dei Punti Terminali) e della cromopuntura. Quest'ultimo studio è stato da lui approfondito sia in India sia a Hong Kong e nel 1975 ha anche dato vita all'Istituto Internazionale Mandel per la medicina Esegetica.

La cromoterapia si avvale delle regole basilari della medicina cinese e agisce sulla mappatura dei meridiani. Si tratta di una terapia olistica, vale a dire che non cura direttamente il dolore, ma cerca di riequilibrare il disturbo energetico e psicologico che ha dato origine al sintomo.

I disturbi per quale si può ricorrere alla cromoterapia per i bambini piccoli possono essere le coliche del lattante, i disturbi del sonno, i misteriosi mal di pancia che arrivano puntualmente al mattino all'ora che il bimbo deve andare all'asilo. Sono tanti i piccoli e grandi fastidi che sconfinano nel campo psicologico e sono solitamente difficili da risolvere. Ed ecco allora che può entrare in gioco la cromoterapia, che consiste nel curare i piccoli con flash di lucine colorate posizionate in punti ad hoc. Si punta una sorta di di pila colorata che manda flash su piccole zone predeterminate di pelle. I colori usati sono quelli primari rosso, verde, blu e giallo, oltre ai colori complementari verde, arancione e viola. Applicando sui punti energetici della pelle una determinata luce colorata, cioè una precisa lunghezza d'onda, questo colore per effetto risonanza dà un'informazione agli organi di coordinazione endocrina del cervello. Questi rimandano il giusto input al corpo in modo da ristabilire l'armonia e risolvere il problema.

 
Credits: Foto di @Free-Photos | Pixabay

La cromoterapia si può dire che risulta particolarmente efficace contro i disturbi del sonno: da una statistica è risultato infatti che dopo tre sedute a distanza di una settimana ciascuna, il 56% dei bambini è riuscito a dormire beatamente e il 38% era così migliorato che i loro genitori potevano alzarsi riposati al mattino.

La cromoterapia applicata però non ha nessuna relazione esclusivamente diretta con il dormire. Se per esempio si fa una puntura rossa sotto ai piedi allo scopo di rafforzare il meridiano dei reni, il cui significato psicologico negativo è il timore, a terapia aiuta a far sparire o diminuire la paura nei bambini. Poi si applica la luce viola, colore profondamente tranquillizzante, in tre punti della testa in diretto collegamento con la psiche.

Anche le coliche del lattante sono trattate come un problema psicologico: lucine verdi, arancio, viola e giallo attorno all'ombelico, sullo sterno e sulla colonna vertebrale per curare lo stress dei piccolissimi.

 
Credits: Foto di @geralt | Pixabay

Soffermandoci più nello specifico sul significato dei colori scopriamo che il colore rosso è utile per problemi di stitichezza per esempio, l'arancione favorisce la circolazione, il giallo apporta il rilassamento nella muscolatura e stimola la digestione, il verde è indicato per l'equilibrio fisico, mentre il turchese è un colore calmante e scioglie la tensione. Il blu è un colore rilassante ottimo per donare equilibrio, mentre il viola aiuta la concentrazione e il magenta aiuta ad alzare il livello di energia.

Di © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

1 COMMENTI   Vuoi lasciare un commento?

  1. Inviato da cris13
     

    ciao, funziona per tutti o solo per i bimbi?

    ciao,
    cristina

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami