Home » Mamma » Neonato » Come affrontare nascita e crescita di un bambino prematuro

Come affrontare nascita e crescita di un bambino prematuro

Ogni anno nel mondo nascono quasi 13 milioni di neonati prematuri, il 10% di tutte le nascite. Ecco qualche suggerimento per accompagnare il neonato prematuro nel suo delicato sviluppo.

Come affrontare nascita e crescita di un bambino prematuro

Un neonato si considera prematuro se nasce prima della 37esima settimana di gravidanza. I neonati prematuri hanno necessità speciali e hanno bisogno di cure specifiche che ne garantiscano il corretto sviluppo anche dopo l’uscita dall’ospedale e l’arrivo a casa, ma anche i genitori hanno bisogno di sostegno e di alcuni consigli per affrontare le difficoltà legate alla cura del prematuro.

Vediamo allora insieme qualche consiglio utile su come affrontare la nascita e la crescita di un bambino prematuro.

Come affrontare la nascita e la crescita di un bambino prematuro
Cercare aiuto in famiglia
Contate sull’appoggio e sull’aiuto della famiglia e delle persone che vi sono vicine. Considerate che si tratta di un periodo molto intenso perfino per i genitori più esperti e il periodo di adattamento alla nuova routine richiede appoggio, comprensione e affetto. Non rifiutate l’aiuto che vi verrà offerto dalle vostre famiglie, a volte anche piccole cose (fare la spesa, stirare…) possono regalarvi alcuni minuti di relativa tranquillità.

Chiedere consigli ai medici
Informatevi in anticipo, non abbiate paura di fare domande a medici e pediatri che vi assistono durante la degenza in ospedale. Il consiglio di un professionista specializzato è un aiuto prezioso per accompagnarvi nelle prime difficili decisioni e l’esperienza acquisita dai medici di neonatologia vi guiderà nelle prime cure. Stabilite con i medici una relazione di fiducia reciproca che vi permetterà di agire come un team per raggiungere lo scopo comune che è il benessere del vostro bimbo.

Come affrontare la nascita e la crescita di un bambino prematuro
Incubatrice e contatto con il neonato
Il latte materno è la miglior fonte di alimentazione soprattutto per i neonati prematuri. Il fatto che sia nell’incubatrice non rappresenta un ostacolo all’allattamento se ricevete il supporto e la consulenza di pediatri e ostetriche di reparto.
Nei limiti del possibile cercate di stare più tempo possibile vicino al vostro bimbo. Anche se a volte avrete una sensazione di impotenza, pensate che il vostro bimbo riconosce perfettamente la vostra voce, sente la vostra presenza e ne riceve conforto.

Come affrontare la nascita e la crescita di un bambino prematuro
Metodo Mamma Canguro
Senza dubbio le incubatrici sono studiate per mantenere il microclima idoneo per lo sviluppo del neonato prematuro, ma potete informarvi su metodi che possono accompagnare (non sostituire) l’incubatrice, come ad esempio il Metodo Mamma Canguro (MMC), che prevede lunghi momenti in cui il neonato può stare tra le braccia della mamma.

Come accompagnarlo nella crescita
Osservate e imparate a interpretare i segnali che vi lancia il vostro bimbo. Lo sviluppo dei neonati prematuri ha tempi e modalità diversi rispetto ai bimbi nati a termine e conoscendolo potrete accompagnarlo meglio nel suo processo di crescita.
Inoltre preparate con attenzione il rientro a casa. Se l’arrivo di un neonato è già di per se un grosso sconvolgimento per la routine quotidiana, e nel caso di un neonato prematuro possono aggiungersi attenzioni speciali e cure specifiche. Informatevi per tempo in modo da poter predisporre eventuali attrezzature necessarie.
Se ci sono fratellini o sorelline maggiori spiegate loro la situazione, senza essere drammatici ma senza mentire. Anche loro parteciperanno alle cure del nuovo fratellino e non si sentiranno esclusi o appartati dalla vita familiare. Cercate un momento di tranquillità per ascoltare i loro dubbi e rispondere alle loro domande.
Non dimenticate che non siete soli, quando vi sentirete pronti, valutate la possibilità di condividere la vostra esperienza con altre famiglie che stanno attraversando difficoltà simili alle vostre.

Di © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS

Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]  

Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami