Home » Mamma » Neonato » Coliche del neonato: rimedi per alleviarle

Coliche del neonato: rimedi per alleviarle

Le cause non sono ancora ben chiare ma per le coliche del neonato ecco i rimedi più semplici ed immediati

Coliche del neonato: rimedi per alleviarle

Le coliche del neonato sono disturbi comuni molto fastidiosi che possono crerare qualche apprensione nel doverle affrontare. È fondamentale saperle riconoscere per gestirle al meglio ed essere pronte con il vostro bambino.
Non sono nulla di grave, è dell'aria che si forma nell'intestino che provoca molto fastidio, e soprattutto sono molto più comuni di quello che si possa pensare. Per rassicurare tutte le mamme, sappiate che si tratta di una situazione transitoria, una fase che si risolve anche con la crescita dei bebè dopo il terzo mese. Vogliamo però suggerire per le coliche dei neonati, i rimedi più immediati ed adatti grazie all'aiuto di Ipasvi (la Federazione Nazionale Ordini Professioni Infermieristiche) e della Società Italiana di Pediatria.



 

Come capire quando si verificano le coliche del neonato
Non ci si deve allarmare subito se il neonato piange e dare immediatamente la colpa alle coliche. Può capitare che i piccolini piangano anche ininterrottamente, ma saltuariamente. Fondamentale allora l'esclusione di altre cause come il reflusso gastroesofageo, l'intolleranza al latte se si pratica l'allattamento artificiale o anche il deposito eccessivo di feci nell'ultimo tratto dell'intestino, meglio allora effettuare dei controlli dal pediatra.

Prima di tutto però, quando iniziare a pensare alle coliche? Rimane valida la regola del 3 stabilita dal Dott. Wessel negli anni '50, ovvero se il bambino è sano ma piange per più di 3 ore al giorno, per più di 3 giorni a settimana e per più di 3 settimane siamo di fronte a questo fenomeno.
Altre considerazioni: se è un pianto improvviso senza cause esterne, la carnagione sbianca o si arrossa, stringe i pugni e tende a piegare le gambe, se è più frequente nelle ore serali se allattato con biberon (se al seno non vi è una ricorrenza specifica), si è di fronte alla probabilità di coliche.


Le cause delle coliche nel neonato
Non è possibile agire preventivamente perché non esistono cause specifiche per la generazione delle coliche, questa fastidiosa aria nella pancia che ai piccolini genera fastidio e dolore. Vi sono delle ipotesi, soprattutto per l'impossibilità di comunicazione con il bimbo:

  • aria eccessiva nell'intestino che risulta essere estremamente fastidiosa per alcuni piccoli più sensibili
  • causa emotiva di ansia della mamma particolarmente apprensiva
  • eccessiva produzione dell'ormone motilina
  • intolleranza alimentare al latte


Queste come detto sono solo ipotesi perché vi sono bambini con aria nella pancia, che viene espulsa, ma non causa coliche, la motivazione psicologica è alquanto contraddittoria, non tutti quelli con la produzione di motilina hanno le coliche e l'intolleranza al latte non si può provare con sicurezza.



I rimedi alle coliche del neonato
Stabilite le possibili cause e come capire la loro occorrenza, vediamo per le coliche del neonato i rimedi possibili.
Per somministrare dei farmaci antispastici, probiotici o altro si deve sempre consultare il pediatra, come anche per l'uso di tisane, pur a base di prodotti naturali, perché forse non sono in concentrazione adatta ai piccolini.

Possiamo invece alleviare questi momenti di pianto con alcuni stratagemmi molto semplici come l'abbracciare il bambino e cullarlo, magari anche massaggiando dolcemente il pancino.

Scegliere in un ambiente tranquillo e rilassante, senza luce eccessiva e rumori troppo forti e cullarlo dolcemente. Anche nella carrozzina o nella culla, usare peluche o coperte molto morbide con cui avvolgere delicatamente o far sentire la vicinanza al piccolo.

Uscire a fare una passeggiata nella carrozzina, il dondolio e se possibile un ambiente come un parco o un guardino possono calmare il bebè. Anche il cullare dell'automobile è un tentativo da provare: se ha effetto sul sonno può averlo  anche sulle coliche.

 

Si può anche provare ad usare latte artificiale più digeribile e per chi invece allatta al seno evitare possibilmente eliminare gli allergeni principali come fragole, crostacei, noci e similari. 

Di , © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS

Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]  

Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami