Home » Mamma » Infanzia » Idee per personalizzare il materiale scolastico

Idee per personalizzare il materiale scolastico

Personalizzare ed etichettare il materiale scolastico è un metodo pratico per evitare perdite e scambi indesiderati. Vediamo i metodi più usati e quelli più creativi

Idee per personalizzare il materiale scolastico

La maggior parte delle scuole chiede ai genitori di etichettare in maniera chiara e indelebile tutto il materiale scolastico dei bimbi per evitare che si perda o si confonda con quello dei compagni.

Lenzuola per il pisolino, bavagli, vestiti di ricambio, tutto deve riportare il nome del bimbo o della bimba, applicato in una posizione facilmente leggibile da parte del personale scolastico e deve resistere a un anno di frequenti lavaggi in lavatrice.

Molte mamme, alle prese col primo anno di asilo del loro piccolo, si chiedono se è possibile tutto questo, o se bisogna aspettare un miracolo.
Per fortuna ci viene in soccorso l’esperienza di tanti genitori che sono già passati da questo periodo scolastico e ci danno preziosi consigli su come etichettare in maniera comoda e, perché no, economica tutto il necessario per la scuola!

Credits: Foto di @Михаил Мингазов | Pixabay

 

Etichette termoadesive

 La soluzione più semplice per quei genitori che dispongono di poco tempo e non sono molto abili con ago e filo è senza dubbio quella di ordinare etichette termoadesive personalizzate con nome e cognome del bimbo. Molti siti internet offrono questo servizio e in pochi giorni avrete a casa le vostre etichette adesive o termoadesive, comode e resistenti ai lavaggi frequenti. Le etichette adesive andranno benissimo anche per ciucci e biberon, resistendo bene anche alla lavastoviglie.

Se invece desiderate soluzioni fai da te e a costo praticamente zero potete provare ad auto produrre le vostre etichette personalizzate. I metodi sono molti e diversi a seconda delle abilità e del materiale disponibile.

Etichette ricamate
Il metodo più semplice consiste nell’applicare con pochi punti una fettuccina di cotone al capo che si vuole etichettare e scrivere il nome con un pennarello da stoffa. L’unico inconveniente è che spesso dopo qualche lavaggio la tinta tende a sbiadirsi.

Un’alternativa può essere quella di ricamare il nome sempre sulla fettuccia di cotone, l’ideale se abbiamo una nonna che si offre volontaria!

 

Etichette stampate a casa
Per le mamme più moderne e tecnologiche c’è la possibilità di stampare a casa le proprie etichette utilizzando la normale stampante del computer e un foglio di carta termoadesiva che si può comprare in qualche merceria o cartoleria ben fornita. Basterà inserire la carta termoadesiva nella stampante facendo attenzione nell’inserirla perché la carta avrà una faccia adesiva e una scrivibile, bisogna quindi provare per vedere su che lato stampa la vostra stampante. È un metodo semplice e veloce e permette di sbizzarrirsi creando etichette davvero personalizzate per quanto riguarda grafica e colori. Le etichette così create inoltre resistono bene all’uso e ai lavaggi frequenti.

Timbrini personalizzati fai da te
Se amate la manualità e sperimentare tecniche nuove potete creare dei timbri col nome dei vostri bimbi e magari abbelliti con qualche semplice disegno. La tecnica è semplice e il materiale da acquistare è poco e vi servirà per molti altri lavoretti: una serie di sgorbiette e un foglio di gomma (ma potete anche utilizzare una normale gomma da cancellare!). Con i timbri ottenuti potrete poi creare etichette in serie risparmiando tempo e soldi, ma è possibile personalizzare anche libri, quaderni, vestiti, bavaglini usando tinte e abbinamenti diversi.

 

Credits: Foto di @Bruno /Germany | Pixabay

Di , © Riproduzione Riservata
TAG  scuola  
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami