Home » Mamma » Infanzia » Bambini che hanno paura del buio: come affrontarla?

Bambini che hanno paura del buio: come affrontarla?

Tra i 2 e i 6 anni molti bambini, al momento di andare a dormire, manifestano la paura del buio: è un timore normale, che non va enfatizzato e nemmeno ridicolizzato. Ecco cosa dovrebbero fare mamma e papà per aiutare il proprio figlio a superare questa situazione

Bambini che hanno paura del buio: come affrontarla?

Le paure fanno parte del normale processo di crescita infantile: a partire dai 2 anni, età in cui i bambini iniziano ad avere coscienza di sé, possono svilupparsi una serie di timori. C'è chi si spaventa di fronte al temporale, chi non vuole rimanere in una stanza da solo, chi teme i mostri e chi ha paura del buio.
In queste situazioni i piccoli iniziano a tremare, a urlare, agitarsi e piangere lasciando spesso nello sconforto mamme e papà che non sanno come comportarsi.
Ma cosa devono fare i genitori di fronte al timore dell'oscurità? Cosa fare se ogni sera, nel momento della messa a letto i bimbi scoppiano in lacrime o se di notte urlano e strillano?


Che cosa rappresenta la paura del buio?
Bisogna chiarire innanzitutto che questa paura, così come molte altre, è assolutamente normale durante l'infanzia e solitamente passa quando si inizia la scuola elementare anche se poi ci possono essere fasi e momenti in cui il bambino esprime il suo disagio per qualcosa attraverso questo timore.


L'angoscia della notte e dell'oscurità ha quasi sempre origine nella perdita delle figure di riferimento e nell'ansia dell'abbandono: la sera, quando il piccolo va nel suo lettino e nella sua stanza si sente solo, mamma e papà spariscono in un'altra stanza e tutto ciò che si trova nella cameretta assume connotati spaventosi (i pupazzi appaiono mostri, i vestiti appesi delle streghe...), per questo si ha paura a spegnere la luce!
In altri casi il timore del buio è l'espressione di qualcosa che è accaduto: può essere legato ad un trauma che il bambino ha vissuto, ad un'esperienza fatta, o a qualcosa che ha visto.

Credits: Foto di @Полина Лаврова | Pixabay
Cosa devono fare i genitori
Per prima cosa quando mamma e papà si accorgono che il proprio bambino ha paura del buio devono cercare di rassicurarlo facendogli capire che anche loro un tempo avevano lo stesso timore; un'altra cosa importante è cercare di capire se il piccolo ha visto o vissuto qualcosa che per lui è stato traumatico in modo da poter rielaborare insieme l'accaduto.


Un consiglio, che aiuta molti piccoli spaventati dalle oscurità notturne, è farli dormire con una lucina accesa e con un pupazzo o ancora meglio con l'animale domestico in fondo ai piedi.
Se tutto ciò non è sufficiente e la paura del buio è legata al timore che ci siano i mostri, allora mamma e papà devono “trasformarsi” in esploratori e insieme al piccolo perlustrare e “disinfestare” la stanza ogni sera prima di mettere a letto il piccolo.
E ricordarsi che spesso le paure si esorcizzano attraverso fiabe, disegni e racconti!


Credits: Foto di @Pezibear | Pixabay
Cosa non fare
Talvolta i genitori, in maniera del tutto inconsapevole, fanno e dicono cose che possono generare o peggiorare le paure dei figli.
Per evitare che accada ciò non bisognerebbe:

  • mettere fretta al bambino e dargli il tempo di elaborare i suoi timori
  • non prenderlo mai in giro
  • non ricattarlo per esempio promettendogli regali se dormirà nel suo letto
  • per ottenere le cose nelle varie situazioni non instillare paure che poi potrebbero emergere sotto altre vesti (se non mangi tutto arriva l'orco, se non sistemi la stanza viene l'uomo nero...).

Di , © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami