Home » Mamma » Gravidanza » Seconda gravidanza, come affrontarla al meglio

Seconda gravidanza, come affrontarla al meglio

Come prepararsi all'arrivo del secondogenito, riflessioni e suggerimenti per una gestazione-bis serena e tranquilla

Seconda gravidanza, come affrontarla al meglio

Magari tanto attesa, la seconda gravidanza, va affrontata nel giusto modo.
Sia nel caso che sia recente la nascita del vostro primogenito (o primogenita), sia che invece siano passati alcuni anni, è sempre meglio essere ben preparate a questa gestazione. Certamente alcune paure non si ripeteranno, ma è un errore credere che sarà esattamente la stessa cosa perché può capitare che non sia così.
Ecco alcune indicazioni e consigli per essere preparate al meglio.


E' tutto uguale alla prima?
Attenzione, ogni gravidanza è a se stante, questo significa che se avete avuto alcuni disturbi, non necessariamente li avrete anche in questa seconda gestazione, potrebbe anche succedere che la vostra pelle di pesca diventi diventi questa volta una distesa di brufoli. E così per molti altri fastidi. Non date allora per scontato che questi 9 mesi siano identici a quelli già vissuti, saranno forse simili, ma potrebbero essere anche diversi.


Il fisico che cambia
I cambiamenti del vostro fisico potrebbero essere diversi. Con il primo figlio la visibilità della pancia è arrivata al quarto e anche al quinto mese, con la seconda gravidanza, soprattutto se molto ravvicinata alla prima, è possibile che la rotondità si mostri già dal terzo. Questo perché la muscolatura è meno forte, meno resistente della prima volta, se poi i tempi sono vicini, probabilmente non sarete riuscite a rifare dei buoni addominali e i vostri ora sono estremamente "morbidi". Anche il seno si può modellare diversamente, riempirsi di più, o di meno della volta precedente. Anche i chili presi in rapporto al cibo che mangiate, non necessariamente sono gli stessi, magari è anche passato qualche anno e tutto si modifica.


Le ansie e le preoccupazioni
Certamente le ansie della prima volta sono passate, ma se siamo donne particolarmente emotive troveremo certamente altre preoccupazioni: come farò ora che sono in due? avrò tempo per fare tutto e bene? Queste sono solo degli esempi. Come per il primogenito, certamente il supporto di persone esperte e competenti è fondamentale. Anche alcuni eventuali dubbi sull'accoglienza del nuovo arrivato da parte del fratellino o sorellina, meglio chiedere ad esperti. Certamente condividere con chi (amici, parenti, conoscenti) ha già passato la seconda gravidanza è d'aiuto, anche se fasciarsi subito la testa è magari prematuro, ma non abbiate paura di riconoscere questa insicurezza. Tutti quelli che hanno vissuto questa situazione, qualche dubbio l'hanno avuto e chi vi dice di non avere avuto esitazioni... non credetegli sino in fondo, quelli troppo sicuri sono quelli che fanno più errori degli altri.

Tipo di parto e travaglio
Il primo parto è stato cesareo, questo può essere naturale? Se sono passati almeno 18-24 mesi dal taglio cesareo potreste anche decidere di fare un parto naturale, ma certamente il ginecologo è il vostro miglior consigliere. Per il travaglio (se avete avuto un parto naturale), sappiate che nella stragrande maggioranza dei casi sarà inferiore, ed è una buona notizia.

Altri consigli
Pensate di non avere bisogno del corso pre-parto perché lo avete già fatto? Pensatelo come un momento tutto vostro, dove vi dedicate del tempo e soprattutto potrete condividere con altre mamme la vostra situazione, altre voci sono sempre utili, magari consigli ed idee per qualche piccolo problema a cui non avevate pensato.

Di © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami