Home » Mamma » Gravidanza » Scialorrea in gravidanza: cause, sintomi e rimedi

Scialorrea in gravidanza: cause, sintomi e rimedi

Questo sintomo poco conosciuto della gravidanza non viene preso seriamente fino a quando non si vive in prima persona. Un problema che debilita sia a livello fisico che mentale la donna in dolce attesa. Vediamo quali sono i sintomi, le possibili cause e alcuni rimedi da adottare

Scialorrea in gravidanza: cause, sintomi e rimedi

La scialorrea in gravidanza può causare seri disagi. Pochissime donne la vivono ma, quando arriva, di certo non passa inosservata e può essere molto più debilitante delle nausee mattutine e del mal di testa.

Conosciuta come salivazione eccessiva, questo sintomo della gravidanza è visto dall'esterno come qualcosa di leggero, da non prendere più di tanto in considerazione. Ma cosa prova veramente la donna che ha un eccesso di salivazione continua?

Sintomi della salivazione eccessiva in gravidanza

Diverse volte al minuto la bocca si riempie di saliva. Le quantità sono ben superiori alla media e vi è la necessità di sputarla nel minor tempo possibile. Il continuo accumulo infatti, non fa altro che aumentare la nausea.

Questi sintomi si fanno particolarmente intensi durante le prime settimane, solitamente la scialorrea compare intorno alla sesta settimana e si conclude verso la tredicesima. Non è sempre così, alcune donne ne soffrono fino al fatidico giorno del parto. I momenti in cui i fasti si fanno più intensi sono quelli dopo i pasti e durante la sera.

Il sintomo fisico predominante è proprio questa salivazione eccessiva incontrollabile. I liquidi non possono essere "buttati giù" perché causano una forte sensazione di nausea e devono essere espulsi in fretta, altrimenti escono spontanteamente dalla bocca.

La scialorrea in gravidanza provoca, com'è facile immaginare, diversi disturbi a livello emotivo. La donna probabilmente non si sentirà più a proprio agio e preferirà evitare tutti i rapporti sociali per non dover spiegare il proprio problema.

Cause della scialorrea in gravidanza
L'ipersalivazione, per quanto spiacevole, è in realtà un meccanismo di difesa che il corpo mette in atto per riuscire a neutralizzare l'acidità di stomaco.

L'acidità di stomaco a sua volta nasce dal reflusso gastroesofageo, stimolato dall'aumento del progesterone. Questo ormone della gravidanza va a "rilassare" la valvola che divide stomaco ed esofago, causando appunto l'acidità che a sua volta da origine alla scialorrea.

Rimedi naturali

Purtroppo non esistono veri e propri rimedi, ma è necessario attendere che la salivazione eccessiva si concluda spontaneamente andando avanti con la gravidanza. Alcuni metodi per alleviare il disturbo però ci sono.

Per prima cosa, bere spesso sorsi d'acqua o di succhi di frutta. In questo modo si rallenta in parte l'eccessiva salivazione. Utilizzare anche colluttori e dentifrici naturali per l'igiene personale della bocca. Tenere sempre vicino degli snack, preferibilmente i crackers.

Provare ad alleviare il fastidio succhiando ad esempio un ghiacciolo alla menta, un cubetto di ghiaccio o un limone. Evitare allo stesso tempo di ingerire i liquidi a stomaco vuoto. In alcuni casi anche i rimedi omeopatici possono rivelarsi utili. Contattare in questo caso un medico omeopata.

Di Claudia Lemmi, © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS

Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]  

Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami