Home » Mamma » Gravidanza » Pubalgia in gravidanza

Pubalgia in gravidanza

Uno dei possibili disturbi nel periodo della gravidanza, molto fastidioso, ma per niente grave.

Pubalgia in gravidanza

La pubalgia può colpire la donna in gravidanza a partire dal sesto mese di gestazione ed è un disturbo che colpisce la zona del basso ventre e del pube. Si manifesta all'inizio solamente con un fastidio, che però col trascorrere dei giorni può diventare un vero e proprio dolore che porta a sua volta altri malesseri: dalla difficoltà di camminare, accavallare le gambe, o solo al girarsi nel letto. In ogni caso, rispetto ad altri disturbi, la pubalgia è considerato uno dei mali minori, per questo non c'è da preoccuparsi né per la futura mamma né per il bebè, e comunque il disturbo si risolve subito dopo il parto.


Credits: Foto di @daniel-reche-718241 | Pexels 

Da sottolineare che non è proprio corretto parlare di pubalgia (disturbo vero e proprio dei calciatori), in questo caso si può definire come un rilassamento doloroso della sinfisi pubica: a partire dal sesto mese di gravidanza, i tessuti si ammorbidiscono proprio in vista del parto, e questo succede a causa dell'azione degli estrogeni, che modificano il collagene e altre sostanze dell'organismo con un effetto rilassante sui legamenti e sulle articolazioni, facilitando così il passaggio del bambino. Questo rilassamento tuttavia, provoca appunto la pubalgia ma non solo, può comparire anche il mal di schiena e in alcuni casi anche la sciatica.


Credits: Foto di @freestocks | Pexels 
Ma ci sono cure per la pubalgia in gravidanza?
Tanti anni fa, le mamme gravide che soffrivano di questo disturbo, in seguito ad un'accurata visita ginecologica, veniva loro prescritta un'integrazione di calcio e di vitamina D, come se la pubalgia durante il periodo della gravidanza fosse un disturbo del tutto simile all'osteoporosi. Oggi invece gli esperti del settore ritengono che non vi sia una cura efficace. I ginecologi possono a volte somministrare del paracetamolo (esclusivamente sotto controllo dal medico, in quanto farmaco), in quanto esercita un'azione antidolorifica, da associare al riposo e al alcuni semplici ma importanti accorgimenti:

  • Quando riposate, provate a mettere un cuscino in mezzo alle gambe e uno anche sotto il sedere quando state sedute;
  • Per alleviare il dolore della pubalgia cercate di mantenere le gambe parallele e simmetriche il più possibile quando vi muovete nel letto.
  • Praticate il nuoto che vi aiuterà ad alleggerire le tensioni, o comunque fare sport come l'acquagym. Presso le strutture natatorie vengono organizzati dei corsi specifici per le donne in gravidanza. Cercate di muovere le gambe insieme e non separatamente, non fate sforzi e muovetevi sempre in modo delicato.
  • Per alleviare il dolore potete anche applicare una borsa del ghiaccio nella zona interessata.


In ogni caso, ricordatevi di dire tutto al vostro ginecologo alle visite periodiche in modo che, conoscendovi meglio e conoscendo meglio il vostro percorso di gravidanza, saprà consigliarvi su cosa fare esattamente. Da sottolineare comunque che non è un disturbo che deve preoccupare la futura mamma, bisognerà fare solo un po' di attenzione in più nei movimenti che fate durante la giornata.

Alcune medicine alternative per questo disturbo vengono trattate più approfonditamente in questo articolo: Rimedi dolci per la pubalgia in gravidanza.

Di © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami