Home » Mamma » Gravidanza » Pilates in gravidanza, vantaggi e benefici

Pilates in gravidanza, vantaggi e benefici

Un allenamento che anche le future mamme possono praticare, perfetto sia per il fisico che per la mente

Pilates in gravidanza, vantaggi e benefici

Per mantenersi in forma, il pilates in gravidanza è perfetto.
Questa attività fisica ha anche un doppio ruolo, ovvero è un ottimo allenamento per aiutare a mantenersi in forma, a non accumulare troppi chili durante la gestazione, ma contribuisce a sciogliere le varie tensioni psicologiche che in una fase così delicata spesso possono insorgere.
E poi, dopo il parto, sarà ancora più facile smaltire i chili in eccesso se si è mantenuta l'abitudine al movimento.


Vantaggi
Il metodo Pilates, sviluppato quasi 100 anni fa da Joseph Pilates, unisce parte della filosofia yoga con allungamenti e distensioni della muscolatura del corpo. E' quindi una disciplina dolce, che non prevede scatti e movimenti bruschi, riducendo così di molto la possibilità di traumi che con molti altri sport più attivi possono accadere. Anche per questo il pilates in gravidanza risulta adatto alla situazione della futura mamma, sia ai primi abbozzi, ma anche quando la dimensione della pancia inizia ad essere importante ed un po' ingombrante.

Questo tipo di allenamento, inoltre, non fa aumentare improvvisamente e in modo elevato il battito cardiaco. Durante i 9 mesi dove ansia e stress si possono far sentire per diversi motivi, mantenere sempre una certa tranquillità, anche quando si pratica sport è un vantaggio. L'accoglienza del nuovo nascituro è auspicabile avvenga in modo dolce e tranquillo e, anche nella pancia della mamma, deve essere trasmessa questa serenità.


Benefici
La scelta del Pilates in gravidanza apporta diversi tipi di benefici, fisici e spirituali per voi e per il vostro bebè, questi i principali:

  1. Si apprende la consapevolezza del proprio corpo, questo grazie al controllo dei movimenti e alla concentrazione che richiede ogni esercizio.
  2. Si controlla la respirazione, azione fondamentale che è di supporto durante il parto.
  3. Si lavora sulla postura andando a contrastare l'eventuale assunzione di posizioni scorrette migliorando le tensioni alle articolazioni.
  4. Si aiuta il collo e le spalle migliorando le tensioni dovute all'ingrossamento del seno.
  5. Si migliora il controllo dello spostamento del baricentro del corpo dovuto alla modificazione del volume della pancia.
  6. Si rinforzano, oltre ai muscoli centrali, anche gli obliqui che vanno a sostenere ulteriormente la parte centrale del corpo alleggerendo il peso sulla colonna vertebrale riducendo i dolori alla schiena.
  7. Si allenano piedi, caviglie e ginocchia messi molto sotto stress dal peso e dal cambiamento fisico riducendo al minimo i problemi possibili durante la gravidanza (dolori, gonfiori, ritenzione idrica).
  8. Si lavora anche sui muscoli pelvici aiutando la preparazione al parto e migliorando il recupero post-parto.
  9. Si impara a rilassare il proprio corpo in modo totale andando a sciogliere qualsiasi tensione, anche quella mentale.


Il pilates in gravidanza è un vero toccasana per la mamma e per il futuro neonato. Può essere praticato da tutte, ovviamente se avete qualche patologia muscolare o problemi alle articolazioni consultate prima il vostro medico e parlate al vostro ginecologo consultandolo magari su quali esercizi possono essere più adatti alla vostra struttura.
E questa attività può poi essere un ottimo allenamento successivo al parto per recuperare la mobilità e la forma fisica originaria.

Di © Riproduzione Riservata
TAG  pilates  
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami