Home » Mamma » Gravidanza » Dolori intercostali in gravidanza: quelle fastidiose fitte! - Parte 1 di 2

Dolori intercostali in gravidanza: quelle fastidiose fitte!

Spesso le donne incinte, tra i numerosi disturbi che lamentano, descrivono fitte lancinanti e fastidiose al petto e alla gabbia toracica. Di cosa si tratta? E cosa bisogna fare?

Dolori intercostali in gravidanza: quelle fastidiose fitte!

Fin dalle prime settimane di gestazione, il corpo della donna inizia a subire delle modificazioni fisiche e ormonali che piano piano contribuiscono a cambiare l'apparato osteoarticolare e a prepararlo per accogliere il feto che nei 9 mesi si svilupperà e crescerà.
Oltre a nausee, gonfiori, bruciori di stomaco e fastidi ad ossa ed articolazioni è facile che le future mamme soffrano di dolori intercostali in gravidanza, spesso associati a fitte al bacino e alla schiena.
È una situazione normale che non deve destare spavento, ma cercheremo di spiegarvi perché accade e che cosa è necessario fare per cercare di alleviare il fastidio.



Fitte e dolori alla gabbia toracica
I dolori intercostali possono avere diverse cause, alcune più gravi ed altre meno; nel caso in cui si presentino durante la gestazione, difficilmente le donne devono preoccuparsi ed allarmarsi, perché si tratta di dolori e fitte causate dai numerosi cambiamenti che il corpo sta subendo.
L'apparato muscolare e scheletrico, in primis, devono velocemente adattarsi all'addome che si espande e al all'utero che piano piano fa spazio al bambino che cresce.
Il bacino e la cassa toracica si allargano e la respirazione non è più diaframmatica ma toracica perché in questo modo si hanno meno sollecitazioni sulla pancia; per questi motivi si originano delle fastidiose fitte.


Non bisogna preoccuparsi
Le future mamme, quando vengono colte da questi dolori intercostali in gravidanza, non devono spaventarsi; inoltre è più probabile che a soffrirne siano le primipare e le puerpere non più giovanissime che hanno un apparato scheletrico “più rigido” rispetto a quelle che hanno già avuto un bambino o che comunque hanno maggiore elasticità muscolare.

 

Appena si avverte la fitta, la cosa migliore da fare è sedersi o coricarsi ed assumere una posizione in cui la schiena rimanga il più dritta possibile.
In questi casi anche la respirazione può aiutare molto ad alleviare il fastidio ed è sufficiente inspirare ed espirare molto lentamente fino a quando il dolore non passa.

Di © Riproduzione Riservata

PAGINA 1 DI 2
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami