Home » Mamma » Famiglia » Tata per bambini

Tata per bambini

Quella della tata è una figura intramontabile, da sempre importante per risolvere la gestione della famiglia che si deve barcamenare tra lavoro, spesa, impegni extrascolastici, palestre di mamma e tennis di papà

Tata per bambini


Tata con bambini

La tata: poche famiglie rinunciano a questa figura. La stima italiana su questo fenomeno in forte e costante crescita racconta di ben 230.000 tate sparse per il Bel Paese, la cui provenienza è spesso legata a Paesi lontani quali ad esempio Perù, Bolivia, Romania, Polonia, Russia e Ucraina. Molte di loro non è in regola con un contratto, ma si aggiustano come meglio possono, addirittura secondo i dati della Cgil sarebbero 7 su 10.

Quando se ne ha bisogno spesso ciò che funziona meglio è il classico passaparola, ormai più che consolidato e molto efficace tra le mamme che si conoscono e si frequentano nei paraggi della scuola dei figli.

 

Mary PoppinsBisogna fare una distinzione tra tata e baby sitter, di solito quest’ultima è spesso italiana, presta le sue conoscenze e la sua presenza per poche ore e comunque per un tempo limitato e pianificato con la madre del bimbo, mentre la tata spesso abita in famiglia o comunque trascorre molto tempo con il bambino.

Le tate sono spesso donne straniere che decidono o meglio accettano di buon grado di abitare insieme alla famiglia che le ospita e che al contempo le offre l’opportunità lavorativa, in cambio, oltre a gestire il marmocchio, si occupano anche di piccole faccende domestiche o di fare la spesa, o di accompagnarlo a scuola e fargli fare i compiti.

In paesi come l’Inghilterra, le tate di tutto rispetto, ben al di sopra per competenze delle semplici baby sitter, sono addirittura oggetto di “nanny-poaching” cioè il “furto della tata”, attraverso disonesti e poco puliti complotti intestini a suon di sterline e di migliori qualità gestionali e del tempo.

 

A Parigi anche quest’anno si è tenuto una specie di speed date, fatto apposta per mamme e tate: un ufficio di collocamento al volo, dove per pochi minuti domanda e offerta si potevano trovare, conoscere velocemente e altrettanto velocemente si sceglievano, quasi a pelle. Questo previa registrazione con inserimento dei dati da parte di entrambi, come età, esperienza, numero dei figli da gestire ecc.

Certo che permettersi una tata vera e propria è per molti, ma non per tutti! In realtà è un bel costo, prima di tutto variabile in funzione del tempo e dell’impegno, se part time o full time. Vediamo all’incirca i prezzi l’ora e facciamo un confronto:

- baby sitter: 8 euro/ora

- tata full time: 1000-1500 euro /mese

 Bambinaia

Se la tata convive, può anche arrivare a prendere quasi 4000 euro, cifre che a molti faranno girare la testa, ma sono assolutamente reali, provate a fare qualche giro di telefonate ad amiche e conoscenti, o provate a contattare qualche tata con esperienza e farvi fare un preventivo!

Ci si può anche affidare alle ormai numerose agenzie, tenete presente che in questo caso dovrete informarvi bene anche sulle commissioni applicate da parte della medesima, che saranno in rapporto a ciò che voi andrete a richiedere a livello di tempo.

 

Andando oltre ai discorsi sui prezzi e sulle tariffe, la tata deve entrare in sintonia con il nostro pupo, amarlo, rispettarlo e farsi al contempo rispettare, essere dolce e anche rigorosa, capace di imporre delle regole, senza farsi prendere per il naso. Avere un’ottima empatia, una capacità di ascolto e di osservazione ed essere disponibile anche nei confronti dei genitori, essere un punto di riferimento solido e concreto per la famiglia che in lei investe non solo i soldi ma molto di più: l’educazione, l’affetto e la qualità della vita del proprio figlio.

Di , © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

1 COMMENTI   Vuoi lasciare un commento?

  1. le tate son figure molto importanti infatti per una famiglia che purtrop lavora di continuo e nn puo badar al proprio bimbo personalmente edi continuo..ma cè anche da dir che oggigiorno nn è facile affidarsi a persone davver competenti e che soprattutto amino e accudiscano nel miglior dei modi queste piccole e fragili creature..pero cè anche tanta brava gente che merita e adora i bimbi bisogna sol selezionarle esser selettivi e nn darli in mano alla prima persona che capita..e a chi fa del male ad un bimbo sia fisicamente che psicologicamente bisognereb dar lergastolo se nn di peggio...ma purtrop nn è cosi molti la passano liscia e in tv si sentono tanti di questi casi...bisognereb cambiar un po le leggi in italia che davver in sti casi e simili lasciano molto a desiderare..PS:io son contraria a quasiasi tipo di violenza sia fisica che psicologica su tutti:anziani, bimbi, animali, donne.disabili,e anche su gente che nn è cosi fragile..la violenza sia fisica che psicologica è sempre e cmq violenza e a mio avviso va sempre e cmq condannata..e parecchio..(nn si possono dar solo 2mesi achi taglia la lingua ad un bimbo sol perche parlava troppo..NN é ASSOLUTAMENTE ACCETTABILE NE AMMISSIBILE!!!!!!!!!!!!)e speriamo che cio con una buona legge avvenga presto..

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS

Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]  

Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami