Home » Mamma » Famiglia » Rapporto tra bambini e animali

Rapporto tra bambini e animali

Il rapporto tra bambini e animali è uno dei legami più belli e dolci che si possono creare. La scelta dell'animale da prendere si deve basare sulle caratteristiche caratteriali del bambino

Rapporto tra bambini e animali

I bambini e gli animai rappresentano uno dei legami più belli e dolci da vedere, lo sanno bene quei genitori che hanno scelto di tenere un casa un cucciolo di gatto o cane, un piccolo criceto, piuttosto che un semplice ma simpatico pesciolino rosso.
Sicuramente in base al carattere del bambino sarà bene scegliere l’animale, infatti, ogni cucciolo, ha le sue esigenze, il suo modo di vivere, le sue abitudini; alcuni animali sono particolarmente esigenti, altri hanno poche necessità, altri ancora hanno bisogno di un contatto fisico costante, altri invece possono stare bene anche solo con poche carezze.

Allergie
La prima cosa da dire è che spesso si sente parlare di allergie legate al pelo o alla forfora di alcuni animali, tra questi i più inquisiti sono i cani e i gatti, dei quali anche la saliva darebbe a quanto pare qualche problema. C’è però da aggiungere un’altra ipotesi, secondo la quale molti bimbi, che fin dalla nascita crescono con un animale domestico, non manifestano alcun tipo di problema allergico, quasi che a vivere o meglio convivere dalla più tenera età, annullerebbe il problema dalla fonte.

Rapporto bambino e animale

Proviamo a vedere i principali animali domestici e a definire le probabili coppie


  • Il cane: è l’ideale per il bambino che sprizza energia da tutti i pori, la quale va canalizzata e spesso magari un pochino contenuta. In questo caso portare a spasso l’amico a quattro zampe, lo impegnerà a prendersi cura di un essere sensibile, amico e sincero, al quale dovrà dedicare una parte delle sue attenzioni della sua energia.
  • Il gatto: è un animale, in realtà, non così poco socievole come spesso è descritto, o meglio molto dipende dalla razza, forse quelle meno altezzose (come quella europea) e un pochino più sempliciotte, sono le migliori per i bambini, perché spesso dimostrano un affetto davvero da fare invidia a un cane! Ad esempio le mie gatte, sono come due ombre, e in special modo, una delle due fa letteralmente da baby sitter, stando in camera con i bambini osservandoli con interesse mentre giocano o disegnano, e quando guardiamo la tv, lei si mette sdraiata sul divano con noi! Assolutamente terapeutica, viste le fusa felici che fa!
  • Il pesciolino rosso: è quello che rispetto ad altri animali, ha meno pretese, va bene per i bambini riflessivi, pacifici, che si dilungano nelle osservazioni naturalistiche, perfette in questo anche le tartarughine. Il bambino in questo caso dovrà essere responsabilizzato a dare da mangiare, pulire la vaschetta e magari a renderla più ospitale aggiungendo graziose piantine o sassolini colorati.
  • Il coniglietto: è tra gli animali quello più romantico e delicato, attenzione, infatti, a non strapazzarlo troppo, non è giocherellone come un cane o un gattino! Va accarezzato con delicatezza, ideale per i bambini che devono imparare a dosare la propria energia, a rispettare gli esserini indifesi.


Perché è importante il rapporto con un animale?
Prima di tutto si tratta sempre e comunque di un rapporto il cui beneficio è duplice, sia per il bambino, sia per l’animale, quindi valevole in modo positivo per entrambi.
Qualsiasi animale, permette al bambino di manifestare i propri sentimenti, anche quelli più nascosti, inconsci, ed è per questo altamente terapeutico, non è un caso il continuo nascere di centri in cui si impiegano degli animali per aiutare i bambini, anche quelli con ritardi mentali di varia entità, ad esempio i bambini down. Perfetti i cavalli, che con la loro grande sensibilità entrano in sintonia con le persone con qualche difficoltà e sembrano cogliere al volo le loro reali necessità.
Gli animali aiutano il bambino a dare amore ma anche a riceverne, ecco perché dicevo che è un rapporto basato sulla reciprocità, sull’uguaglianza.
Legame tra bambino e animale domestico
Un consiglio
Solo un piccolo consiglio, i bambini che crescono con un animale sviluppano una naturale fiducia negli animali, anche quelli selvatici o randagi, ecco che il ruolo dei genitori è quello di controllare situazione per situazione, onde evitare che si creino delle situazioni magari anche pericolose, insegnando loro che non tutti gli animali sono come quelli di casa, quelli  estranei prima bisogna cercare di conoscerli bene e poi magari si possono accarezzare.

Di , © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

1 COMMENTI   Vuoi lasciare un commento?

  1. Inviato da mogadiscio
     

    sono perfettamente d'accordo; aggiungerei che insegnando ad occuparsi del proprio animale si aiuta il bambino a diventare responsabile; io credo anche che amando e rispettando un animale fin da piccoli faciliti i futuri rapporti umani

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS

Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]  

Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami