Home » Mamma » Famiglia » Come stanno cambiando i papà di oggi

Come stanno cambiando i papà di oggi

Cambiano i pannolini, accudiscono i figli quando sono malati, organizzano fine settimana solo padri e figli: ecco come sono cambiati, rispetto ad un tempo, i papà di oggi!

Come stanno cambiando i papà di oggi

Fino a vent'anni fa l'uomo in famiglia doveva lavorare e portare a casa il giusto stipendio per consentire alla moglie e ai figli di vivere dignitosamente; dava regole e si accertava che venissero rispettate: in pratica la madre aveva un ruolo di accudimento e il padre di sostentamento.
Negli ultimi tempi le cose si sono parecchio rivoluzionate; nella coppia genitoriale entrambe le figure si occupano della prole in maniera quasi paritaria e i papà di oggi stanno decisamente cambiando.
Un po' perché anche le donne lavorano a tempo pieno e non possono solo ed esclusivamente seguire i figli, un po' perché psicologicamente è stata sottolineata l'importanza del ruolo paterno e un po' perché le separazioni sono in aumento e in questo caso gli uomini si ritrovano per alcuni giorni alla settimana a gestire da soli i bambini.


Credits: Foto di @Bob Dmyt | Pixabay


Cosa significa essere un padre oggi?
I papà di oggi (nella stra grande maggioranza) si assumono le loro responsabilità fin dalle prime settimane di gravidanza: partecipano emotivamente, sono premurosi nei confronti delle compagne, accompagnano alle visite, ai corsi pre-parto e la maggior parte di loro assiste alla nascita, cosa che vent'anni fa era praticamente impensabile.


Nelle prime settimane di vita, quando i piccoli hanno per lo più bisogno della mamma, i padri si rendono disponibili portando fuori i figli per una passeggiata dando possibilità alla compagna di riposare un po'; se i neonati non vengono allattati al seno, si alzano di notte per dargli il biberon e spesso non mancano di cambiarli e fargli il bagnetto.
Mano a mano che i bambini crescono i papà di oggi li fanno giocare, li portano in montagna a sciare o a fare una partita di calcio al campetto dietro casa.


Sono più disposti al dialogo, al confronto e sono molto meno autoritari; da un lato queste caratteristiche sono assolutamente positive ma pare che oggi molti figli adolescenti rivendichino papà più “seri”, più impositivi, uomini con cui confrontarsi, discutere e litigare.

Credits: Foto di @BlueAngel16 | Pixabay
Più anziani ma più emotivi
Rispetto al passato, poi, i papà di oggi sono più anziani di un tempo: in Italia la media per il primo figlio è di 35 anni e i padri over 50 sono in continuo aumento.
Questo significa essere uomini più maturi, con un legame di coppia più stabile, e un soddisfacimento professionale e personale maggiore che gli consente, quando arriva un bambino, di essere più presenti e meno ossessionati dal raggiungere la carriera perché sono già arrivati professionalmente.


Sono uomini in grado di stare con i propri figli anche quando si separano dalle compagne, si assumono le responsabilità tenendo con sé i bimbi nel week end che gli spetta e un giorno a settimana senza doversi per forza appoggiare agli zii e ai nonni; si inventano attività ricreative da fare, cucinano ottimi piatti, raccontano le favole della buona notte, insegnano l'autonomia, sono teneri, più sereni e poco ansiosi!

Di © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami