Home » Mamma » Età scolare » Morbillo, una delle più comuni malattie infettive

Morbillo, una delle più comuni malattie infettive

Malattia infettiva piuttosto comune, soprattutto tra i bambini in età scolare. E' da curare con antipiretici e qualche stratagemma

Morbillo, una delle più comuni malattie infettive

Il morbillo è una delle malattie infettive che con una frequenza elevata possono colpire i bambini dai 6 fino ai 14 anni. Sicuramente più diffusa molti anni fa, oggi grazie ai vaccini lo è di meno, poiché, pur essendo vaccinati, alcuni bambini la contraggono, ma in forma lieve.

È una malattia infettiva causata da un virus dei Paramixovirus, il morbillivirus, il quale si trasmette da un individuo all'altro semplicemente attraverso le goccioline di saliva (tosse o starnuti).

Quando si è contagiosi
Il malato di morbillo è contagioso da 1 a 3 giorni prima della sintomatologia manifesta, ovvero prima che compaiano le classiche manifestazioni di tipo cutaneo. La contagiosità resta fino a una settimana dopo la comparsa dei sintomi e da questo ne deriva la pericolosità di epidemie, soprattutto quando i bimbi sono piccoli e a stretto contatto tra loro, all'interno di comunità quali ad esempio nidi o scuole materne ed elementari.


Sintomi
La malattia si manifesta dopo circa 10 giorni dal momento della penetrazione del virus; febbre alta, occhi rossi lacrimanti e tosse , sul palato si creano delle macchie bianche che compariranno anche all'interno delle guance.
Poi ecco le famose chiazze tonde con il bordo ben definito di un rosa intenso, sul volto, sulle orecchie, sul naso ecc.
Dopo due giorni, dal viso le macchie si espandono su tutto il corpo fino ai piedi, per poi scomparire dopo aver dato molto prurito.

Cure
Non esiste un farmaco per il virus del morbillo, ma farmaci per i sintomi che andranno ad attenuarsi
; se la temperatura supera i 38°C sarà necessario, dopo il normale consulto del pediatra, somministrare un antipiretico, come ad esempio il paracetamolo; è sconsigliato l'acido acetilsalicilico ai bambini troppo piccoli. Il pediatra dovrà ovviamente essere contattato e valuterà eventuali altri farmaci, in base al bambino e ad eventuali altre problematiche associate.


Quando fare il vaccino?
Il vaccino è normalmente somministrato sotto pelle, contiene una cellula viva attenuata, quindi meno offensiva per l'organismo che l'andrà a ricevere. La prima iniezione si fa a 12 o 15 mesi, il richiamo dopo 4 settimane.
È una vaccinazione che si può fare anche in età adulta, consigliata alle donne che non hanno mai contratto il morbillo e che vogliono diventare mamme.

Piccoli consigli utili

  • Per gli occhi rossi e che lacrimano è possibile usare dei decongestionanti come ad esempio impacchi alla camomilla
  • Tenere pulito il nasino del bimbo per evitare che ristagnino i germi
  • Far bere molti liquidi, soprattutto se la tosse è secca
  • Se il bambino ha male alla testa il paracetamolo è utile anche per questo problema

Di , © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS

Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]  

Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami