Home » Mamma » Età scolare » Idee ecologiche e fai da te per il rientro a scuola

Idee ecologiche e fai da te per il rientro a scuola

Spunti e suggerimenti per proporre ai bimbi alcuni semplici lavoretti fai da te per il rientro a scuola

Idee ecologiche e fai da te per il rientro a scuola

Ricomincia la scuola e nella maggior parte delle famiglie fervono i preparativi.
Il materiale scolastico necessario è molto e purtroppo la maggior parte di quello che entra nelle scuole, soprattutto per la merenda e per l’ora del pranzo, è ancora usa e getta.

Siamo abituati ad avvolgere i panini con la carta di alluminio, a riporre la frutta in sacchetti di plastica o a ricoprire i libri e i quaderni di plastica adesiva, accumulando giorno dopo giorno moltissimi rifiuti che potremmo evitare con qualche semplice accorgimento.


Ecco come ovviare a questi sprechi, facendo scelte ecologiche da insegnare anche ai più piccoli.


Tovagliolo portamerenda
Perché non proviamo a sostituire la carta di alluminio che avvolge la merenda con un tovagliolo di stoffa ben ripiegato?
Servirà anche da tovaglietta per appoggiare il panino ed oltre ad essere ecologica sarà anche molto più igienica perché possiamo lavarla ogni volta che lo riteniamo necessario.
Per un uso più funzionale, prepariamo prima i tovaglioli cucendo alcuni pezzi di velcro agli angoli, in modo da poterli chiudere comodamente.
Adatteremo il tovagliolo al tipo di panino che vogliamo avvolgere, per esempio per un normale toast pieghiamo il tovagliolo a forma di busta (come nella foto) fermando le punte con il velcro.


Bottiglia portafrutto
Possiamo anche riciclare una bottiglia di plastica vuota per trasportare comodamente una mela, o un frutto in genere.
Per costruire il nostro porta mela non dovremo far altro che tagliare in tre parti per il lungo la bottiglia, della quale utilizzeremo solo il fondo e la sommità.
Con un pezzo di nastro adesivo proteggiamo i bordi che potrebbero essere taglienti e pericolosi.
Per utilizzare il contenitore ottenuto è sufficiente mettere la frutta nel fondo della bottiglia e coprire inserendo la sommità col tappo.
Il portamela può essere poi decorato usando la fantasia, o chiedendo ai bimbi di incollare degli adesivi o di applicare sagome e figurine precedentemente ritagliate nella gomma crepla.

Borraccia per la scuola
Nella maggior parte delle città italiane l’acqua del rubinetto non solo è potabile, ma spesso è anche più sicura e controllata di molte acque minerali imbottigliate. Invece di comprare le odiose bottigliette da mezzo litro (che in proporzione generano molta più plastica che quelle da 1,5 litri) diamo ai bambini una borraccia da riempire al rubinetto.


Copertine libri e blocnotes con carta riciclata
Libri e quaderni in mano ai bambini si rovinano molto rapidamente, è necessario quindi ricoprirli per proteggerli. Non serve però comprare rotoli di plastica adesiva quando possiamo riciclare la carta da regalo usata, o fogli di carta da pacchi magari disegnata e decorata dai bambini.
Siamo d’accordo che i quaderni degli appunti devono essere puliti e ordinati, ma qualche blocco per la malacopia e per gli scarabocchi possiamo ricavarlo riutilizzando i fogli di carta usata solo da un lato, che in molti uffici si accumulano inutilizzati.

Questi non sono altro che suggerimenti, provate però a sedervi con i vostri bambini e chiedere loro di pensare e “inventare” altri modi per ridurre i rifiuti che si producono durante una giornata scolastica. Sicuramente vi stupiranno con le loro idee originali e allo stesso tempo staranno imparando che la salute del nostro pianeta è nelle mani di tutti, anche dei più piccoli.

Di , © Riproduzione Riservata
TAG  scuola ecologica  
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS

Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]  

Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami