Home » Mamma » Età scolare » Abolire il sesso dei giocattoli

Abolire il sesso dei giocattoli

I giochi per bambini e bambine sono diversi, possono forse porre loro un confine "sessuale" che dovrebbe invece essere più morbido?

Abolire il sesso dei giocattoli

Bambole e pentoline o mostri e guerrieri? I negozi di giocatoli mettono spesso i bambini di fronte a una scelta che li colloca da subito in due universi separati: mondo rosa per le femminucce e mondo azzurro per i maschietti.

Ma in una società che piano piano si differenzia sempre meno in età adulta, perché nell'infanzia si tende a forzare la naturale propensione dei bambini verso fatine e macchinine?

I genitori e gli educatori come devono comportarsi?


Credits: Foto di @Alexas_Fotos | Pixabay
Giochi maschili e femminili: una forzatura o un condizionamento?

Secondo pedagogisti e psicologi, con l'avvento dell'era moderna i produttori di giocattoli hanno sempre più differenziato la loro produzione a seconda del sesso dei destinatari. Bambole, cucine giocattolo, aspirapolveri in formato mini per le femmine, che devono stimolare altruismo e cura degli altri; giochi di avventura e azione per i maschi che invece devono sviluppare manualità e senso pratico.
È vero però anche che in realtà l'orientamento verso giochi più maschili o femminili è in parte innato, perché queste differenziazioni fanno parte delle differenze di genere, cioè quelle inclinazioni naturali che corrispondono ad una differenza genetica non legata all'apprendimento.
Spesso però la scelta di un bambino verso il giocattolo dipende anche dai genitori, che hanno un'inconscia e naturale attitudine a seguire un sentiero già tracciato, suggerendo tacitamente un ruolo e un comportamento adeguato fin dai primi mesi di vita del piccolo.

La tecnologia: parifica i sessi
La tecnologia degli ultimi tempi però ha in qualche modo parificato i sessi perché i giochi elettronici hanno ridotto le differenze di genere, talvolta ribaltando anche i ruoli. Giocare a fare la pittrice o il cuoco o la scienziata non può che migliorare le rispettive abilità.
La tecnologia è diventata territorio neutrale dove ognuno sviluppa le proprie potenzialità senza alcun tipo di condizionamento dettato dall'identità di genere.


Credits: Foto di @Ana_J | Pixabay
Come far giocare i bambini?
In realtà la cosa migliore sarebbe creare spazi comuni, in cui ciascun bambino possa scegliere liberamente in che ruoli sperimentarsi e quali giochi usare. Questo contribuirebbe ad arricchire il bagaglio personale di conoscenze e di esperienze essenziali alla crescita. Meglio non confinare le bambine in giochi di cura e immaginazione, relegandole al ruolo di principesse passive; viceversa non indirizzare il maschio solo verso giochi di squadra e guerra o legati alle sole forze e abilità fisiche.
Ovviamente, come in tutte le cose, le diversità ci sono e non si possono ignorare, ma è il modo in cui si vivono i bambini a fare la differenza, e la differenza di genere è una ricchezza da cui si può imparare: il primo passo deve essere compiuto da genitori e educatori, perché sono questi spesso a creare degli stereotipi.
Il gioco è utile ad aiutare il bambino nella crescita e dovrebbe essere spontaneo, non forzato e non indirizzato perché altrimenti impedirebbe al bambino stesso l'esplorazione personale di altre forme di gioco che sarà poi lui stesso, al momento giusto, a percepire eventualmente come sgradite.

Di © Riproduzione Riservata
TAG  giocattoli  
CONDIVIDI

1 COMMENTI   Vuoi lasciare un commento?

  1. Inviato da sandyanna
     

    mah io sono cresciuta giocando col fucile (di quelli a ventose) e soldatini e chiodi e trapano,e collezione di macchinine bbrurago!! accostati a bambole e pentolini e pelouches....più che distinguere il sesso dei giocattoli, sarei più propensa a captare le attitudini del bambino, il suo carattere si esplicita attraverso il gioco, seguirlo capirlo, stimolarlo...tutto è nuovo per lui, tutto da imparare!

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS

Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]  

Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami