Home » Mamma » Essere Mamma » Sesso post partum

Sesso post partum

Si sa, la nascita di un bambino porta sconvolgimenti all’interno della coppia: tra pappe, pannolini, ore di sonno perse, i genitori vengono messi a dura prova. E un aspetto che molto spesso subisce un drastico cambiamento è la sessualità

Sesso post partum

Nei quaranta giorni successivi al parto è sconsigliato avere rapporti sessuali poiché si devono cicatrizzare le ferite e il collo dell’utero deve tornare alla normalità. Ma dopo questo periodo, ovviamente a discrezione della donna, la coppia può riprendere la normale attività.

Tuttavia spesso, le puerpere hanno un drastico calo del desiderio, e talvolta provano disgusto e fastidio anche ad essere solamente sfiorate. Dopo il parto gli organi sessuali della donna, non sono più solo fonte di piacere erotico, ma sono anche la parte del corpo che hanno accolto, alimentato e messo al mondo una nuova esistenza, attraverso il dolore del parto.
È necessario del tempo per ricostruire la disponibilità erotica ed accogliere il marito, proprio dove era stato accolto e generato il figlio.

Credits: Foto di @heftiba | Unsplash
Una nuova sessualità
La maternità deve essere vista come una grande occasione per ricreare nella coppia una nuova atmosfera erotica, anche più coinvolgente ed eccitante di prima. Deve esserci la riscoperta di un desiderio sessuale e di un piacere nuovo. Molto spesso le donne faticano a vedersi di nuovo come compagne e amanti, ma si sentono esclusivamente mamme.
Ci sono poi anche dei freni fisiologici come l’aumento di peso, la paura di non essere più attraenti, un accumulo di stanchezza o la depressione post partum, che influiscono sulla ripresa della sessualità.
Anche l’uomo spesso vive un periodo di assestamento, se c’è chi "freme" per riallacciare i rapporti prima possibile, magari senza troppa attenzione verso le resistenze della partner, ci sono anche i papà che hanno bisogno dei loro tempi.
In questa fase negli uomini si ha un calo di testosterone, e quindi anche del desiderio sessuale. Una scoperta interessante, che dimostra come la natura abbia in qualche modo provveduto a smorzare l'entusiasmo erotico maschile nel dopo-parto, al fine di rallentare le nascite.
Ci sono anche i papà che vanno in tilt, e i molti casi arrivano disturbi del desiderio e dell’erezione. In questi casi occorre rivolgersi al medico senza troppa esitazione.

Alcuni consigli

  • Non preoccuparsi se all’inizio non si prova desiderio e spinta verso il partner; prendersi del tempo, ma se dopo qualche mese la situazione non torna alla normalità chiedere un consiglio al ginecologo o ad uno psico-sessuologo;
  • Cercare di capire anche il partner, che si sente trascurato e deve dividevi con il nuovo nato.
  • Se all’inizio il rapporto completo vi spaventa, fate le cose gradatamente; ci sono vari modi di vivere la sessualità: coccolarsi, massaggiarsi, ritagliarsi degli spazi di intimità fatti anche solo di contatto e comunicazione;
  • Quando vi sentite pronte a riprendere l’attività sessuale completa, bisogna farlo gradatamente perché i tessuti attorno alla vagina sono sensibili, ed è possibile avvertire anche del dolore, che però sparirà nel giro di poco tempo. Possono essere utili creme e oli lubrificanti.

Di © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS

Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]  

Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami