Home » Mamma » Essere Mamma » Perché non pubblicare le foto dei bambini sui social - Parte 1 di 2

Perché non pubblicare le foto dei bambini sui social

Nell'era dei social si tende a pubblicare ogni cosa, attenzione però! Le immagini che ritraggono i bambini non andrebbero mai rese note. Ecco perché...

Perché non pubblicare le foto dei bambini sui social

In un'epoca in cui quasi tutti sono iscritti a qualche social, facebook, instagram o twitter che sia, è molto importante conoscere le regole sulla privacy per evitare di esporre se stessi e gli altri a rischi e pericoli inutili.
Se da una parte gli ideatori di alcuni siti cercano ogni giorno programmi informatici per tutelare i propri followers, dall'altro i pirati del web con intenzioni poco serie sono sempre in agguato.

Gli adulti sono liberi di postare qualunque immagine personale a proprio rischio e pericolo ma è invece importante non pubblicare le foto dei bambini sui social se si vogliono evitare problemi, nell'immediato e nel futuro!
Secondo una ricerca effettuata dall'Università del Michigan il 60% dei genitori americani tra i 40 e i 50 anni condivide online la vita dei propri figli.
Quali sono i principali motivi per cui bisognerebbe evitare di rendere note su internet le immagini dei minori?


Malintenzionati
Spesso scattiamo veri e propri reportage che testimoniano la bellezza dei nostri pargoli o facciamo video che li immortalano in situazioni buffe: ricordiamoci però che in rete si aggirano anche persone con intenzioni poco serie.
E sebbene mettiamo le varie protezioni sulla privacy dei vostri post, nei social ci sono purtroppo “maghi”della tecnologia che riescono a vedere anche tutto ciò che nascondiamo.

Quindi, certa gente oltre a poter riusare le immagini con scopi pedo-pornografici, potrebbe anche captare dove i nostri figli vanno a scuola, quale palestra frequentano e venire a conoscenza di tutte le varie informazioni sui loro spostamenti.

Minori che vanno protetti
Sebbene tutti i bambini vadano tutelati, ci sono alcune categorie per cui la privacy è fondamentale: nei casi di affidamento o adozione pubblicare sui social informazioni sensibili potrebbe esporre il minore e la sua nuova famiglia a pericoli perché i genitori biologici potrebbero avere materiale per rintracciarli e fargli eventualmente del male, sia psicologicamente che fisicamente.

Di , © Riproduzione Riservata

PAGINA 1 DI 2
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS

Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]  

Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami