Home » Mamma » Essere Mamma » Omogeneizzati fatti in casa: tutto quello che c'è da sapere!

Omogeneizzati fatti in casa: tutto quello che c'è da sapere!

Omogeneizzati fatti in casa, il meglio per i vostri piccoli!

Omogeneizzati fatti in casa: tutto quello che c'è da sapere!

"Siamo quel che mangiamo", queste parole se affiancate a un bambino di pochi mesi risultano ancora più vere. Verso i sei mesi di vita arriva il grande momento per voi mamme e per i vostri piccini, ovvero quello della prima pappa! E se finora siete state ben attente a ciò che mangiavate, sia durante il periodo di gravidanza che durante i primi mesi di allattamento al seno, è importante prestare la stessa attenzione anche ai primi cibi che vostro figlio o figlia assumerà.

Perché quelli fatti in casa
Somministrando gli omogeneizzati fatti in casa sarete sicure del loro contenuto quindi della qualità del cibo utilizzato, ma soprattutto questi saranno privi di conservanti, rispetto ad altri che potrete acquistare già confezionati. Oltretutto il risparmio è garantito, anche perché avrete la possibilita di congelare i vasetti già preparati che vi dureranno così nel tempo. Ciò non significa che quelli pronti acquistati al supermercato siano di scarsa qualità, anzi restano sempre la migliore scelta per le mamme che non hanno tempo, per impegni legati al lavoro o magari perché hanno più figli a cui pensare.


La qualtà del cibo
Se vi decidete a preparare voi stesse le prime pappine del vostro piccolo, fondamentale sarà la qualità dei cibi utilizzati e ancora più importante l'acqua che userete per cucinare. Questa deve essere filtrata o in mancanza di filtro potrete utilizzare acqua minerale, quindi non quella del rubinetto. Il cibo invece, quindi frutta, verdure, carne o pesce devono essere scelti sempre biologici, se vivete in città non sarà difficile trovare punti vendita che garantiscano questo tipo di prodotti, invece se abitate in piccoli centri cercate di scegliere negozi di cui vi fidate. Inoltre, ricordate che la frutta e le verdure devono essere sempre e rigorosamente freschi e di stagione.

 


Con quali alimenti cominciare
Per quanto riguarda gli omogeneizzati di frutta potrete cominciare con quelli di mela o banana, evitando invece almeno fino al primo anno di età di dare ai vostri figli fragole, kiwi o pesche, in quanto potrebbero essere frutti allergenici. Per le verdure invece non ci sono molto limiti, carote, zucchine, patate, zucca, spinaci, fagiolini (meglio evitare broccoli o cavolfiori all'inizio). Il pollo o tacchino poi restano sempre i primi tipi di carne da somministrare nel primo periodo di svezzamento. Verso i 7/8 mesi potreste poi cominciare con il pesce bianco come ad esempio il merluzzo. Ovviamente meglio seguire le indicazioni del vostro pediatra, queste sono a grandi linee gli alimenti che mediamente vengono concessi in questo periodo.

Ecco la ricetta base:

Ingredienti
Carne, pesce, frutta o verdure
Brodo vegetale*

Vi serviranno anche:
Pentola per cottura
Frullatore (oppure omogenizzatore)
Vasetti di vetro

Preparazione
Per preparare gli omogeneizzati fatti in casa a seconda che sia di verdure, frutta, carne o pesce, tagliate a pezzetti gli alimenti e cuoceteli a vapore (per la frutta saltare questo passaggio). Una volta cotti inserire tutto nel frullatore aggiungendo un poco alla volta il brodo vegetale precedentemente preparato, fino ad ottenere un composto omogeneo, cremoso e senza pezzetti. Dopodiché versate il contenuto negli appositi vasetti di vetro. Nel caso abbiate un omogenizzatore questo avrà entrambe le funzioni, di cottura al vapore e di frullatura.

Consevazione
I vasetti una volta chiusi ermeticamente possono essere conservati un giorno in frigorifero oppure essere congelati e consumati entro, e non oltre, i sei mesi.

*Da preparare sempre con ingredienti freschi e di stagione; si può conservare per 1 o 2 giorni in frigo, sempre che non sia stato fatto con le patate, poiché fermantano.

Di Sara Pennetta, © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS

Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]  

Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami