Home » Mamma » Essere Mamma » Mamme perfette? No grazie

Mamme perfette? No grazie

Cucinano sano, stirano sempre tute e grembiulini, corrono a destra e sinistra come dei tassisti, raccontano le fiabe della buonanotte e poi cercano di avere del tempo anche per sé stesse! Ma è necessario essere delle madri 10 e lode?

Mamme perfette? No grazie

Ormai anche essere madri è diventata una gara: durante la gravidanza bisogna cercare di restare in perfetta forma perché altrimenti le altre ti guardano come se fossi un marziano, quando partorisci e il piccolo cresce bisogna riuscire a seguire il figlio in modo ottimale, cucinargli ogni giorno pasti a prova di chef, lavare e stirare perfettamente la sua roba, accompagnarlo ovunque, seguirlo durante i compiti, pianificare festine con gli amichetti da far invidia ad un'organizzatrice di eventi e in tutto questo non bisogna mai dimenticarsi del ruolo educativo!
Poi le mamme perfette dovrebbero continuare ad essere anche super donne, sul lavoro, con il partner e nella vita!
Ma è davvero indispensabile giocare a questo ruolo? Non è forse che cercando di pianificare tutto in modo esemplare il rischio sia quello ad un certo punto di crollare sfinite, esauste e frustrate con la conseguenza il più delle volte di un esaurimento nervoso?


La vera bellezza sta nell'imperfezione
Cosa significa essere mamme perfette? Non perdere mai la pazienza e mantenere sempre un tono pacato e conciliante? Non sgridare i propri figli? Essere truccate e pettinate dopo notti insonni e giornate piene di impegni?
O mamme perfette significa fare del proprio meglio, amando ed educando la prole, insegnando il rispetto, regalando le radici ma lasciando poi la libertà?
Jill Churchill scriveva: «Non è possibile essere una madre perfetta. Ma ci sono milioni di modi per essere una buona madre».

Ecco, dal momento che il genitore da manuale non esiste, rilassatevi, concedetevi di sbagliare e soprattutto seguite i nostri consigli!

  1. Niente sensi di colpa
    Se non volete essere delle madri perfette la prima cosa da fare è perdonarvi e accettare che non si può sempre fare tutto. Perciò niente sensi di colpa se la mattina dovete mandare il bambino al nido perché andate a lavorare, se non avete latte per allattare, se avete dedicato un po' più di tempo ad un altro figlio, se vi siete concesse una serata con il vostro partner o con le amiche! I figli saranno più sereni se lo sarete anche voi!
  2. Fatevi aiutare
    Chiedere o accettare un aiuto esterno non vi rende meno brave! Se avete la possibilità di pagare una baby sitter o siete fortunate ad avere dei nonni ancora giovani disponibili a stare un po' con i nipotini, prendete in considerazione questo tipo di aiuti. Inutile controllare tutto, bisogna imparare anche un po' a demandare e a dividersi i compiti famigliari.
  3. Niente paragoni
    La vostra amica riesce a fare più cose di voi? Vedete post di mamme su facebook impeccabili e perfette? Ognuno è fatto a modo proprio e l'errore più grande che si possa fare è paragonarsi a qualcun altro. Perciò voi ascoltate le vostre capacità e la vostra resistenza!
  4. Accettate gli imprevisti
    Dal momento che non è possibile avere un controllo totale sulle cose e sugli eventi imparate ad accettare i cambi improvvisi, i contrattempi e soprattutto rideteci sopra. È il più grande insegnamento che potrete dare ai vostri figli, farli crescere senza l'ansia e la mania di programmare tutto: un giorno ve ne saranno riconoscenti!

Di , © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS

Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]  

Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami