Home » Mamma » Essere Mamma » Mamme a 50 anni

Mamme a 50 anni

È stata la notizia dell’estate: Gianna Nannini, cinquantaquattrenne, è in dolce attesa; ma anche Heater Parisi, giunta ai 50, ha deciso di ridiventare mamma con la fecondazione, dando alla luce due splendide gemelline. Ma non sono donne famose che hanno superato la soglia dei cinquant’anni, vogliono assaporare la maternità. Sono sempre di più le donne “in attesa”, quando l’età biologica non lo permetterebbe. Come è possibile

Mamme a 50 anni

Perché mamme tardi?
Secondo i dati istat, i bambini nati da donne ultracinquantenni sono in aumento, e solo il 10% dei nascituri ha una mamma con meno di 25 anni. Rimanere incinta quando si è alla fine del periodo fertile è possibile, anche se a volte i rischi sono notevoli. In Italia le donne che diventano madri dopo i 35 anni sono il 34%, e il 6% dopo i 39 anni. Questa è la fotografia che ostetrici e ginecologi fanno in Italia, e si tratta di un fenomeno sempre più in aumento. I motivi di questa tendenza sono vari; per prima cosa la difficile situazione economica e sociale costringe a diventare adulti e indipendenti molto più tardi di un tempo. In più le donne dopo i 40 si curano molto di più di un tempo e anche a questa età la donna si sente giovane, in forma e all’apice del successo.

In modo naturale è possibile?
Avere un bambino in modo naturale dopo i 40 anni è piuttosto difficile; anche se sembra strano, negli ultimi tempi il periodo fertile della donna si è accorciato notevolmente. Più passa il tempo, più calano le possibilità di rimanere incinta: superati i 30 anni una donna conserva solo il 12% degli ovociti che aveva alla nascita, per precipitare dopo i 40 anni.
Quindi, salvo rari casi, rimanere incinta naturalmente dopo i 40 anni è cosa assai rara. Nella maggior parte dei casi si deve ricorrere alla fecondazione assistita.

La fecondazione assistita
Le metodiche non naturali a disposizione per avere una gravidanza, sono diverse, ma a quest’età la soluzione migliore è quasi sempre l’ovodonazione, che però è vietata in Italia. Si tratta nella donazione di un ovulo da parte di un’altra donna, molto più giovane della madre; in pratica si usa l’ovulo donato, che in laboratorio viene fecondato dagli spermatozoi prelevati dallo sperma dell’uomo (che non deve per forza essere quello del partner). In Italia comunque questo tipo di fecondazione è vietata dalla legge, mentre è possibile fecondare in laboratorio ovulo e spermatozoi della coppia sposata. In ogni caso, una volta avvenuta la fecondazione in vitro, l’ovulo viene impiantato nelle donna che porta a termine la gravidanza.

Probabilità
Le casistiche rivelano che le donne con più di 43 anni che si rivolgono ad un centro di fecondazione assistita in Italia, hanno scarse probabilità di rimanere incinte proprio perché non possono appoggiarsi all’ovodonazione. All’estero, invece, dove l’ovodonazione è permessa, le donne dopo i 40 anni hanno la stessa probabilità di rimanere incinta di quelle più giovani, proprio perché si usano ovuli di ragazze giovani. Ovviamente in questi casi il patrimonio genetico sarà per metà della donna che ha donato l’ovulo e per metà dell’uomo che lo ha fecondato. Non avrà nulla in comune con la donna che lo ha portato in grembo per 9 mesi, anche se poi a livello psicologico è proprio figlio.

Quali pericoli?
Una gravidanza tardiva non è solo difficile, ma può anche essere rischiosa; per una mamma sana e in buona salute ci possono essere rischi in tre casi: se è la prima gravidanza, se è indotta dalla fecondazione assistita oppure se è una gravidanza gemellare. Il feto può incorrere alla possibilità di morte o nascita precoce, e ci sono probabilità che il bambino nasca autistico, con sindrome di Down o anomalie monogeniche.

Di © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

1 COMMENTI   Vuoi lasciare un commento?

  1. Inviato da flavioski
     

    Mah, diventare mamma è sempre una bella cosa però bisogna avere la coscienza di rispettare le regole morali della chiesa, gli esperimenti non li capisco, la vita umana non va manipolata secondo me, un figlio ad ogni costo è per conto mio egoismo puro.

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami