Home » Mamma » Adolescenza » Spiare figli adolescenti

Spiare figli adolescenti

Fino a che punto è giusto che i genitori controllino i figli? Dare fiducia o entrare nella loro privacy? Valutiamo insieme i pro e i contro.

Spiare figli adolescenti

Marcare stretti i figli, controllare sms sul cellulare e diari nascosti nel cassetto: per quale motivo? Paura? Irrefrenabile curiosità? Senso del dovere? O invece sarebbe giusto non intromettersi e creare con il figlio un clima di dialogo e fidarsi di lui. Vediamo insieme i pro e i contro di questo atteggiamento che spesso i genitori hanno nei confrotni dei figli, soprattutto se adolescenti.

 

Genitori che spiano figli
Inutile negarlo, il curiosare tenta e ha tentato molti genitori, anche quelli che a loro volta erano stati spiati e si erano ripromessi che loro non lo avrebbero mai fatto. Certo ci sono anche genitori che sostengono di non essere mai stati attratti dal farlo, ma poi in realtà la tentazione è stata tanta di fronte ad un cellulare lasciato in salotto, o al diario sulla scrivania. Sono soprattutto le madri a spiare maggiormente i figli, preoccupate dai cambiamenti tipici dell'adolescenza, quando il proprio figlio o figlia da bambino affettuoso e devoto si trasforma in un quasi adulto a rischio droga, alcol e sesso promiscuo.
Alcuni genitori si trasformano in veri 007 con tanto di tanto di intercettazioni telefoniche, microspie, speciali kit per individuare tracce di stupefacenti ed altre diavolerie informatiche.
Il boom dello spionaggio famigliare ha fatto persino nascere un business e non mancano i negozi che vendono tutto ciò che serve per essere dei veri investigatori.


Però tutti coloroche hanno pensato di assumere un'agenzia investigativa o di mettere sotto controllo il telefono del figlio, è bene che sappiano che è più sano e utile affrontare i figli direttamente e con onestà perché se scoprono l'inganno l'effetto è devastante.
 

Spia sì o spia no?
È giusto dunque esercitare doverosi controlli o è meglio non cedere alla tentazione? Il problema più che altro oggi è un altro: come spiarli! I diari segreti ora non esistono più e sono stati sostituiti da blog con password introvabili. I cellulari difficilmente vengono “dimenticati” in giro per la casa, ma strettamente tenuti anche quando si va in bagno solo per lavarsi i denti.
E poi, anche quando i genitori riescono ad accedere a qualcosa del figlio, è importante che sappiano una cosa: non devono scambiare per vita vera quella segreta, magari inventata dal ragazzo che scrive ciò che vorrebbe che accadesse e non la realtà. È la sfera del sogno, non dell'etica e dei valori. Diari, sms e e-mail, non sono dei reportage, ma vanno codificati, tanto più che spesso vi si leggono pensieri di morte. È normale che l'adolescente abbia una doppia vita: non è più solo un figlio, ma diventa amico, partner in una coppia, membro di una squadra. È una persona nuova che non deve più raccontare tutto alla mamma.

 

I figli che crescono
Gli adulti temono sempre di più che i propri figli inceppino nella droga e nella violenza, ma violare la loro intimità non è sicuramente la via giusta per proteggerli. A volte sono proprio loro a lasciare in vista il diario per suggerirne la lettura, ma anche in quel caso è meglio parlarne prima di buttarcisi sopra. Se scoprono di essere stati spiati il rischio è che perdano la la fiducia nei genitori, che devono tenere presente che a quest'età i figli sono contraddittori: è l'età degli eccessi. Per ricevere le confidenze dei ragazzi devono rendersi disponibili all'ascolto e accettare il fatto che comunque nel figlio ci sono delle zone d'ombra inaccessibili.

Di , © Riproduzione Riservata
TAG  adolescenti  
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS

Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]  

Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami