Home » Mamma » Adolescenza » Hikikomori: quando i giovani vivono isolati

Hikikomori: quando i giovani vivono isolati

Pare che in Giappone siano più di un milione i giovani che vivono rinchiudendosi nella propria camera e isolandosi dal mondo. Questa forma di disagio si chiama hikikomori

Hikikomori: quando i giovani vivono isolati

Nonostante in Italia non vi siano ancora cosi' tanti casi, il termine hikikomori è entrato nel vocabolario della nostra lingua, per indicare quei giovani che, per loro volontà, vivono in disparte, senza contatti sociali, trascorrendo le giornate chiusi in camera, al buio, spesso davanti a un computer connesso a internet.

Una sindrome nata in Giappone
In oriente il termine hikikomori è stato coniato verso la fine degli anni 90, usando le parole Hiku= tirare e Komoru= ritirarsi, e viene usato sia per spiegare il fenomeno di chi sta in disparte e si isola, sia per indicare chi ne è colpito. Nel Paese del sol Levante i casi di giovani adolescenti che vivono fuori dalla realtà sono numerosi; spesso soggetti maschi, primogeniti, con madri apprensive e padri assenti perché lavorano troppo, genitori che pongono molte attese sui figli.

È difficile però dare un'unica colpa, perché probabilmente la causa è un sistema sociale disagiato, rigido e in crisi, che porta alcuni giovani fragili a reagire in questo modo.
Il primo segnale che qualcosa non va, solitamente è il disagio scolastico, che si trasforma con il tempo in chiusura verso tutto e tutti.

Una vita da reclusi
I giovani hikikomori presentano spesso una sintomatologia complessa: soffrono di depressione, letargia e isolamento sociale, accompagnati da disturbi ossessivo compulsivi. Alcuni vivono come clochard, in stanze buie e sporche, impedendo a chiunque di entrare, e non si lavano anche per parecchi giorni, mentre altri rimangono sotto la doccia per ore.
Trascorrono le giornate dormendo e di notte guardando la tv, giocando al computer e navigando su internet. Sono intelligenti, creativi, ma vogliono stare isolati. Gli unici contatti sociali avvengono virtualmente, quasi sempre con giovani simili, con i quali ci si chiama per Nick.

Credits: Foto di @Free-Photos | Pixabay
Come riconoscere questo disturbo
Prima di parlare di hikikomori, è fondamentale che la reclusione dalla vita sociale duri da almeno 6 mesi; in adolescenza possono capitare dei momenti di isolamento e non sono da confondere con questa sindrome, cosi' come non bisogna scambiare il disturbo con la dipendenza da internet.

Tuttavia, quando genitori e adulti, si accorgono che il proprio figlio adolescente incomincia a chiudersi in sé stesso, a non voler più andare a scuola, a dormire tutto il giorno e vivere di notte al computer, dovrebbero rivolgersi a degli specialisti per un consulto, perché si tratta comunque di situazioni preoccupanti.

Di © Riproduzione Riservata
TAG  depressione  
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS

Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]  

Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami