Home » Lui » Mondo maschile » Identikit dell'uomo che non vuole figli

Identikit dell'uomo che non vuole figli

Un po' infantile, timoroso di fronte alle responsabilità e all'idea di perdere la propria libertà: sono queste alcune caratteristiche di quegli uomini che non vogliono diventare padri

Identikit dell'uomo che non vuole figli

Premesso che fare dei figli non è obbligatorio e soprattutto si è superato il concetto che la coppia per essere felice deve avere per forza la prole da crescere, è comunque importante, quando si sta con una persona, capire se questo rifiuto è solo momentaneo e legato a delle paure che con il tempo possono sparire o se invece è una vera e propria scelta consapevole e definitiva.
Se per la donna costruire una famiglia tradizionale è un desiderio molto forte, probabilmente dovrebbe prestare attenzione ad alcune caratteristiche maschili tipiche di coloro che difficilmente vogliono diventare padri.

Ecco l'identikit dell'uomo che non vuole avere dei figli!



Ha superato i 40 e vive ancora con la mamma
Quando un uomo, superata la soglia dei 40, preferisce stare ancora in casa con mamma e papà, servito e riverito, probabilmente non è ancora cresciuto, non ha voglia di diventare autonomo e di assumersi delle responsabilità a sua volta. Se cerca una compagna è più per un bisogno pratico che per affetto e desiderio di crescere e costruirsi la propria di famiglia e all'idea di diventare genitore non è proprio pronto perché si sente ancora troppo figlio!
Le donne devono sapere che è difficile far cambiare idea e prospettiva a questi uomini, quindi o li si accetta così oppure è meglio cambiare partner!

É troppo egoista e concentrato su di sé
Un'altra caratteristica tipica dell'uomo che non vuole figli è l'egoismo: chi è troppo concentrato su se stesso, sulla propria carriera o il divertimento, non ha spazio per pensare di mettere davanti ai propri bisogni quelli di una creatura che nel bene e nel male stravolge la vita.
Ovviamente ci sono anche molte persone con queste caratteristiche che diventano genitori, ma sicuramente non sono le premesse migliori per diventarlo.


Gli eterni Peter Pan
Le donne devono sapere che con questa tipologia di uomini ci si deve armare di molta pazienza per provare ad aiutarli a crescere ed uscire dal corpo dell'eterno bambino. Nonostante ciò, non è detto che ci si riesca. Le loro priorità sono ben altre rispetto a quelle di diventare padri, mariti e uomini adulti; a pappe e pannolini preferiscono uscire ogni sera con gli amici, divertirsi e poter partire quando vogliono senza il bisogno di pianificare tutto.

Attenzione a questi segnali
Di fronte a questi segnali bisognerebbe riflettere e magari chiedere al diretto interessato cosa ne pensa dell'idea di diventare padre. L'identikit dell'uomo che non vuole figli prevede molto spesso che:

  • non parli mai di bambini (né dei nipoti, né dei figli di amici etc..)
  • di fronte ad un bambino che piange si innervosisce e irrigidisce
  • superati i 40 anni si ritenga ancora molto giovane per diventare genitore ( e voi siete coetanee o poco più giovani: in questo caso forse un figlio lo faranno in futuro, ma non con voi!).

Di , © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

4 COMMENTI   Vuoi lasciare un commento?

  1. Inviato da Depresso2
     

    l'uomo che non vuole figli secondo me ha paura che una volta finito il rapporto dovrà pagare l'assegno di mantenimento per la ex moglie e i figli non avendoli + accanto secondo il livello di patrimonio che ha, cosi se per caso uno eredita qualcosa, il giudice dirà che il signor tal del tali ha tot e quindi deve ripartire quello che ha con una donna a cui verranno affidati i figli e lui li potrà vedere si e no 4 volte al mese, e in + lascerà la casa di famiglia ai figli e alla ex moglie, che andrà a viverci con un altro che non avrà, a volte, neppure il bisogno di lavorare, tanto paga tutto l'ex. Altro che peter pan.

  2. Inviato da MI158  »  depresso2
    11.09.2018  21:50

    Da uomo non posso che concordare in pieno con Depresso, visto che in caso di separazione o di divorzio sono pressoché sempre i padri a finire in mezzo ad una strada e non le madri, come dimostrato da diverse inchieste giornalistiche più che autorevoli.
    È' quindi troppo facile e, per usare un eufemismo, ipocrita accusare gli uomini sulla base di cliché monotoni e pure datati, tipici di una mentalità femminista molto diffusa nei nostri tribunali, quando si sa benissimo che, in quanto donne, in caso di separazione e di un eventuale divorzio ad essa conseguente, si avrà quanto meno la certezza di limitare i danni rispetto a quello a cui andrà incontro il proprio ex.

  3. Inviato da Cagliostro1984
     

    Che accozzaglia di clichè.
    Un uomo che non vuole figli ha preso una decisione importantissima che denota maturità non il contrario. Lotta controcorrente al pensiero sociale, viene tartassato continuamente con il classico: "quando ti sistemi?". Se poi prova a spiegare le ragioni la risposta sarà un altro clichè pari a questo articolo: "vedrai che quando trovi la donna giusta ti mette in riga" come se l'amore fosse prevaricare o farsi prevaricare da qualcuno.

  4. Inviato da biancafracas  »  cagliostro1984
     

    Gentile Cagliostro
    nessun clichè...se ha letto bene le premesse dell'articolo scrivo "fare dei figli non è obbligatorio e soprattutto si è superato il concetto che la coppia per essere felice deve avere per forza la prole da crescere, è comunque importante, quando si sta con una persona, capire se questo rifiuto è solo momentaneo e legato a delle paure che con il tempo possono sparire o se invece è una vera e propria scelta consapevole e definitiva".
    Detto ciò negli articoli a larga divulgazione si prendono in considerazione aspeti generici della psiche umana...non si pretende di fare trattati psicologici o scientifici.
    E comunque ognuno è libero di avere una propria opinione senza per questo criticare.

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS

Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]  

Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami