Home » Tempo Libero » Letture » Leonor » Leonor - pag.1 -

Leonor - pag.1 -

Leonor - Di Diego Galdino



PROLOGO

Nella mia vita precedente, forse sono stato un gabbiano.No! Sicuramente sono stato un gabbiano. Come faccio a saperlo? E' semplice, perché adesso che sono un essere umano, spesso sento il bisogno di volare via.

CAPITOLO I



La pioggia continuava a cadere incessantemente e ormai cominciavo a farmene una ragione: quella mattina avrei dovuto rinunciare alla mia passeggiata. Da qualche anno era diventata una piacevole abitudine. Come la temperatura si faceva più mite, annunciando l'estate, prendevo ad alzarmi prestissimo, mi mettevo la vecchia tuta da jogging di quando andavo all'università di
Plymouth e uscivo di casa con la mia bicicletta rossa, dirigendomi a grandi pedalate verso le scogliere di Land's End. Ogni mattina si compiva questo rito. Adoravo sentire la brezza accarezzarmi il viso, godevo nel respirare a pieni polmoni mentre la bici prendeva velocità: sentivo la staticità del tempo interrotta dal mio passaggio, con il sibilo delle ruote così acuto in
quel silenzio quasi irreale. Poi, come d' incanto, appariva l'oceano e più mi avvicinavo e più il rumore delle onde diventava intenso. Mi ci avvolgevo, dentro quel fragore, e ogni giorno era come rinascere, riscoprendo scoprire nuove e antiche emozioni, in un paesaggio da favola fatto di streghe, maghi, cavalieri e bellissime principesse.
Dopo aver lasciato la bicicletta in un posto sicuro, mi incamminavo su per le scogliere e, seguendo il sentiero, iniziavo il mio viaggio verso sensazioni indescrivibili. Le onde impetuose schiaffeggiavano quell'immenso muro naturale ininterrottamente. Il vento faceva arrivare gli spruzzi d'acqua fino in cima e un'infinità di piccolissime gocce danzavano davanti ai miei occhi, quasi avessero vita.
Qualche volta, mi piaceva togliermi le scarpe e andare a piedi nudi sull'erba soffice e inumidita dalla fresca rugiada del mattino. Poi, prima di ritornare indietro, amavo starmene seduta per un po' di tempo a fissare l'Oceano. In quei brevi momenti pensavo a mia madre. Erano già passati
quindici anni da quando era morta. La sua scomparsa mi aveva lasciato dentro un segno profondo: eravamo molto unite e perderla così all'improvviso fu per me un colpo tremendo.
Quando ero una bambina dai mille perché, era solita dirmi:
"Vedi Leonor tu sei stata molto fortunata a nascere a Penzance perché è un posto magico dove le persone hanno la possibilità di vedere l'arcobaleno tutti i giorni della loro vita.
I suoi colori faranno in modo che tu sia sempre serena, che ci sia il sole o che piova. Qui sarai sempre felice."
Solo adesso, guardandomi intorno, riesco a rendermi conto di quanto mia madre avesse ragione; l'oceano alle prime luci del mattino, gli innumerevoli fiori che sbocciano sulle scogliere sbirciando, con fare curioso, la lucida sabbia rosa della spiaggia di Sennen. Questi colori insieme creano un posto unico. il mio arcobaleno. La mia casa.
Non mi pentirò mai della scelta che ho fatto, finché avrò nelle mie mani questa tavolozza colorata di emozioni.
"E' inutile che continui a guardare fuori, oggi il tuo pescatore ti aspetterà invano"
"Il mio cosa?"
"Dai Leonor , ormai lo sa tutta Penzance che ogni mattina vai a Land's End per incontrarti con un bellissimo pescatore e fate l'amore sdraiati tra i fiori e l'erba delle bianche dune della Cornovaglia."
"Papà, come ti permetti d'insinuare una cosa del genere? Ma davvero la gente pensa questo di tua figlia ?" Il viso di Adam Francis s'intristì per un momento.
"No, stavo scherzando, ma a me non dispiacerebbe se fosse tutto vero."
Capì cosa intendeva suo padre. Dietro quelle parole, dietro quel gioco amaro, si nascondeva tutto il rimorso di Adam, per non aver impedito che Leonor rinunciasse ai suoi sogni e ad una brillante carriera proprio per rimanergli vicino. E lui, in fondo, tutto questo non sè lo era mai perdonato.
"Papà, lo sai che io amo un uomo soltanto ed è qui in questa stanza "
Il sorriso di Adam fece capire che le ostilità erano finite.
"Perfetto figliola, dopo che avrai fatto uscire quell'uomo di cui parli da dentro la mia credenza, puoi cominciare a preparare la colazione."
Dopo aver mangiato ed essersi vestita, Leonor era pronta per un'altra giornata di lavoro. Prese le chiavi della macchina e si diede un'ultima occhiata allo specchio. Forse aveva ragione suo padre, doveva cercarsi un pescatore, prima che i suoi bellissimi capelli castani cominciassero a
tingersi di bianco. In fin dei conti, i corteggiatori non le erano mai mancati; innumerevoli
mazzi di fiori erano stati recapitati in biblioteca per la bella direttrice Leonor Francis, ma lei, in questo caso, compiva quasi meccanicamente un altro rito. Li depositava nel solito vaso sopra la sua scrivania, buttava il biglietto nel solito cestino, e completava le operazioni con una cortese
telefonata di ringraziamento, usando la solita scusa di dover lavorare fino a tardi per declinare ogni eventuale e successivo invito. Cercava qualcosa di più di una semplice avventura, Leonor. Voleva un uomo speciale. Nel lavoro si era dovuta accontentare di dirigere la biblioteca di una piccola città di provincia, perché quello era il meglio che si poteva avere a Penzance, ma in amore non avrebbe rinunciato alla sua borsa di studio. Se necessario sarebbe stata ad aspettarlo fino alla fine dei suoi giorni, ma questa volta voleva il meglio, se lo era meritato. Certo, come diceva suo padre, il sesso era importante, ma per lei non era fondamentale. Leonor desiderava degli occhi limpidi in cui specchiarsi; vedere se stessa finalmente felice.

Stava per chiudere la porta, quando sentì suo padre che la chiamava dal bagno.
"Che cosa vuoi papà? Così mi farai arrivare tardi al lavoro".
Adam si presentò con indosso un accappatoio di un colore assurdo.
"Scusa, cara , è che mi sono scordato a che ora deve arrivare tua sorella."
Leonor non si lasciò sfuggire l'occasione per burlarsi di suo padre.
"Allora dovrò dire al mio bel pescatore di darmi più pesce. Hai bisogno di fosforo, la vecchiaia comincia a fare brutti scherzi alla tua memoria. Comunque, Meg arriverà da Parigi all'aeroporto di Londra nel primo pomeriggio e da lì prenderà il treno per arrivare a Penzance, se non ci saranno dei ritardi, a notte inoltrata".
Un sorriso radioso illuminò il viso di Adam. Stava per dire qualcosa, quando Leonor lo interruppe
"E il suo fidanzato arriverà domani mattina, è questo che stavi per dirmi non è vero? Non stai più nella pelle al pensiero che finalmente lo conoscerai. Spero tanto che non rimarremo delusi."
"Cosa vuoi che ti dica cara: sono curioso di vedere chi è riuscito a mettere la museruola a quella indiavolata di tua sorella."
"A sentire Meg è un uomo meraviglioso, L'ultima volta che mi ha chiamato, parlava già di matrimonio. Sicuramente è molto innamorata e anche lui deve esserlo, se è riuscito a sopportarla per più di un anno."
Una parca risata di Adam accompagnò Leonor fino allo sportello della macchina.
Lungo il tragitto da casa alla biblioteca, non poté fare a meno di pensare a Meg. Le aveva fatto da mamma, era diventata la sua migliore amica, aveva incoraggiato il suo talento e adesso che, appena venticinquenne, era considerata uno dei più grandi talenti della pittura contemporanea europea, sapeva che il suo compito era terminato.
Quando leggeva sui giornali articoli riguardanti Meg, capiva quanto era stato importante rimanere a Penzance. Vedere quella biondina, con i suoi occhioni azzurri, fare bella mostra di sé davanti a un suo quadro sulle pagine delle riviste d'arte più importanti, le riportava alla mente la
bambina che s'infilava nel suo letto per paura dei lampi, durante i temporali: Al ricordo dei suoi abbracci intirizziti, gli occhi si velarono di lacrime.


© Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

GOOGLE ADS

Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]  

Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami