Home » Tempo Libero » Letture » Ali da Passeggio » Ali da Passeggio

Ali da Passeggio

Qualche battito d'ali - Stefania Nibbi


Che cos’hanno in comune un tacchino, un gallo e un'anatra? Possiedono le ali ma non
sempre sanno servirsene. Volare può avere un significato diverso per ognuno di noi:
per Giulio significa realizzarsi nel lavoro, raggiungere l’equilibrio, arrestare la sua folle corsa
intorno a se stesso; per Alberto è vivere esperienze diverse, liberarsi dagli obblighi familiari e
dalle scelte che lo fanno sentire chiuso in gabbia; per Elena rappresenta il grande amore,
il compagno con cui condividere la propria vita. I protagonisti danno voce alle inquietudini del
nostro tempo e, nell’intersecarsi delle loro vicende, cercanodi raggiungere la consapevolezza
che permetta loro di “spiccare il volo”.

Parte prima

Con la coda fa la ruota, credendosi un pavone.
Il Tacchino, ovvero il passato irrinunciabile.

Parte seconda
Quelle selvatiche migrano in cerca dell’estate,
lei invece resta, affrontando il gelido inverno.
L’Anatra, ovvero il Futuro irraggiungibile.

Parte terza
Potrebbe provare a volare e invece continua a correre a destra e a manca, appresso alle galline ruspanti. Il Gallo, ovvero il Presente inaccettabile


Giulio

“E’ dura ritrovarsi ad un punto della vita in cui ci si sente imprigionati nei propri ruoli, ma lo è altrettanto trascorrere l’intera esistenza in cammino, senza mai arrivare da nessuna parte e poter affermare che era o non era quello che volevamo dalla vita. Non avere un ruolo definito, intraprendere continuamente una direzione a caso, ritrovandosi spesso al punto di partenza. Viaggiare per tutta la vita può essere stimolante ma spersonalizza: quando ti prende la voglia di riposarti, per ritrovare le tue cose o qualcuno che ti aspetta, ti accorgi di non esserti mai sentito a casa in nessuno dei posti in cui ti sei fermato, neanche in quello dal quale sei partito”.

Alberto
“Non è facile capire se è quella giusta. Lo scopri col tempo, se gliene concedi abbastanza da capirti. Se non va invece te ne rendi conto subito, ancora prima di andarci a letto. Sai che la storia finisce dove inizia, che non potrai mai parlargli dei tuoi sogni, che non avrai voglia di farle leggere i tuoi libri o ascoltare i tuoi dischi preferiti. Sai soltanto che ti farà sentire vivo e ruspante come un galletto”.

Giulio
“Tutte le strade che intraprendiamo sappiamo, bene o male, dove ci porteranno. Tranne l’amore. Quello non sai mai dove ti conduce, quando lo seguiamo dobbiamo rassegnarci a non conoscerne mai i confini; né l’inizio né la fine. Non sarà mai una cosa programmata, prevedibile, definita. Non dovrai mai illuderti di poterne comprendere gli ingranaggi, dovrai sempre guardarlo come un bambino stupito e mai come un luminare di scienza.”
“E perché mai dovrei seguirlo se ciò non m’insegnerà nulla?”
“Perché nella vita esistono cose ingovernabili. E spesso sono le più interessanti”.

Elena
“Che cosa è la vita se non un’esperienza condivisa? Si può vivere sempre e solo per se stessi? Non so che farmene della libertà di cui parli, si gode della vicinanza e della gioia dell’altro altrimenti l’esistenza è sterile e arida.”.

Alberto
“Mi sono sempre chiesto se il motivo dei miei tradimenti fosse la mancanza di compatibilità con Claudia o verso il rapporto coniugale in sé. Quante volte ho pensato di dare una svolta alla mia strada, lasciando mia moglie e i miei figli per legarmi ad un’altra donna con la quale c’era più sintonia. Ma al momento di prendere la decisione ho sempre esitato; per il rimorso di procurare un dolore ai bambini dietro il quale schermavo la mia vera paura di richiudermi in una nuova scatola, un’altra storia con i suoi doveri, i suoi limiti”.

Elena
Tutti andiamo da qualche parte..
Ognuno di noi sta andando in qualche posto.
Percorriamo tutti i giorni la strada che ci separa dalla meta, perché siamo come gli uccelli migratori; dentro di noi, senza la coscienza di saperlo, prendiamo una direzione che è sempre quella. Anche se a volte abbiamo l’impressione di tornare indietro, di ricominciare daccapo; in realtà è sempre avanti che stiamo procedendo.

Alberto
“Non posso attendere ancora che la mia vita abbia inizio. Non mi sono mai sentito padrone delle mie scelte. Vedo il mio passato come un domino, un incastro di avvenimenti dettati dalle circostanze, un susseguirsi di accadimenti buoni e cattivi che nelle tappe fondamentali della mia esistenza hanno cambiato la direzione delle mie decisioni solo verso le strade che non avrei voluto intraprendere.
Nella mia vita le cose accadono ed io non posso farci niente”.

Alberto
“La mia è una carcerazione volontaria, la paura di volare che m’impedisce di alzarmi, vestirmi, aprire la porta e andarmene ovunque, con chiunque, senza dare mai più spiegazioni, senza dover inventare castelli di bugie.
Sono un uccello cresciuto tra le sbarre; sono io stesso la chiave e lei é la mia gabbia”.

Giulio
“Non riesco ancora a capire i meccanismi dei rapporti d’amore, forse morirò senza averli minimamente compresi. Elena disse che il suo cuore le parlava; il mio ha sempre taciuto o sussurrato cose incomprensibili, non mi ha mai detto nulla, anzi a volte è rimasto in silenzio per così tanto tempo da farmi pensare che non ci fosse più”.

Elena
“I messaggi dei nostri corpi, i silenzi, la mia attenzione e la sua disattenzione, le situazioni inattese, le risposte mai date: la gelosia si nutre di questo. Si annida dentro di noi come un animale, mangiandosi tutto quello di cui ci cibiamo privandoci dell’appetito; ci riempie la testa con sussurri di sospetto svegliandoci dal nostro sonno di piccole certezze con la sua sottile voce tagliente”.

Elena
“Quell’uomo rappresentava la mia trasgressione, il mio fuori programma ed in quanto tale non poteva costituire una costante. Era l’esatto controsenso di me, l’immagine di ciò che non avrei mai voluto essere. Il mio continuo impegno a salvarlo dalla sua incapacità di affrontare l’esistenza mi aveva aperto gli occhi sulle mie possibilità; più attingevo alle mie risorse per fargliene dono, più ne scoprivo di nuove”.

Alberto
“Percepivo un profumo di donna, forse era un sogno. Sentivo qualcuno carezzarmi i capelli, forse mia madre. Ero adulto o bambino, non saprei dirlo”.

Alberto
“Forse è proprio la vita che ho sempre condotto l’unica possibile. Non esiste una scelta radicale. Ho bisogno della famiglia tanto quanto delle mie evasioni. Se non ho una prigione dalla quale fuggire nessuna libertà ha senso. Voglio svegliarmi la mattina con mio figlio che mi salta sul letto; portarmi appresso l’odore della cucina sugli abiti quando esco di casa; l’auto piena dei resti delle merendine dei bambini; gli abbracci di Claudia e le sue orribili torte di compleanno. E non voglio rinunciare ai corpi e alle anime di tutte le altre donne che mi regalano fugaci momenti di passione”

© Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

GOOGLE ADS

Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]  

Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami