Respirare aria pulita in casa: ecco come pulire il condizionatore

Redazione Amando  | 24 Nov 2023

Anche se magari è già in uso perché l’estate è già cominciata, è importante sapere come pulire il condizionatore. Si può effettuare immediatamente una piccola manutenzione oppure ricordarsi di pulirlo quando avrete finito di usarlo per prepararlo all’inverno.

Sicuramente ogni condizionare ha una sua struttura e quindi posizionamento di filtri e di pannelli diversi, ma questa vuole essere una guida generale su come procedere correttamente alla sua pulizia. Fondamentale è effettuare la procedura a condizionatore fermo e con l’alimentazione staccata per lavorare in sicurezza.

Pulire il motore esterno

In presenza di motori esterni è essenziale iniziare da lì. Il condizionatore ha una parte esterna che molto spesso è esposta ad intemperie di ogni genere. Iniziate a rimuovere la polvere con una scopa, come quella che usate in casa, cercando di passarla nelle feritoie per arrivare dove più possibile. Rimossa per bene la polvere, ora con un panno ed utilizzando un semplice sgrassatore universale, passate tutta la struttura rimuovendo macchie e sporco che con la scopa non siete riusciti a togliere.

Split interni pulizia esterna

Ora pensiamo all’interno. Iniziamo dagli “split” (possono essere più di uno) del condizionatore che avete, ovvero parliamo della struttura interna da cui esce l’aria. Vanno puliti tutti esternamente usando un detergente universale, meglio uno sgrassatore se non avete già qualcosa di specifico. Usate unicamente un panno su cui spruzzerete il prodotto detergente, andando a passare tutta la struttura esterna. Potete anche passare prima sugli split un panno anti polvere per rimuovere qualche residuo e poi usare lo straccio con il detergente.

Pulizia “interna”

Con il manuale d’uso, rimuovete il guscio (qui dipende dal modello, alcuni hanno una rimozione completa, altri solo una parziale) e se volete potete anche a questa parte dare una pulizia nella parte interna. Per prima cosa vanno rimossi i filtri o il filtro: in alcuni condizionatori è presente un unico filtro, in altri invece vengono separati i filtri per la climatizzazione e quelli per la purificazione. Ad ogni modo i filtri vanno rimossi e aspirati con un aspirapolvere o un aspirino portatile per rimuovere la polvere depositata e successivamente lavati con acqua tiepida con aggiunta di un detergente non aggressivo. Dopo aver fatto scolare l’acqua il più possibile, l’asciugatura va terminata all’ombra, niente luce del sole o altre fonti di calore per evitare che i filtri si deformino.

Uso di prodotti spray anti microbi o simili

Se il condizionatore è posizionato in una casa “normale”, ovvero non stiamo parlando di luoghi come ristoranti o cucine non casalinghe e simili, gli spray anti microbi sono inutili. Nessuna paura di legionella o batteri simili che si depositano solo in quegli impianti di condizionamento con deposito di acqua che non è certamente il caso dei condizionatori casalinghi. Meglio fare una pulizia in più sul vostro condizionatore, rimuovendo più spesso la polvere depositata sui filtri, che usare prodotti inutili; aiuta ad avere un elettrodomestico performante ed efficiente ed a ridurre il presentarsi di qualsiasi tipo di problema.

Redazione Amando
Redazione Amando

La redazione di Amando.it è composta da quattro persone, che si occupano di realizzare guide, contenuti e notizie legati al mondo femminile: dalla moda all'oroscopo, dalla salute alle mamme.



Ultimi Articoli

©  2024 Fytur Srl. P.IVA 16957971001 | Tutti i diritti sono riservati.
Per la pubblicità su questo sito Fytur