Home » Casa / Cucina » Vivere la Casa » Verde verticale: nuova moda degli orti urbani

Verde verticale: nuova moda degli orti urbani

Le città impongono spazi sempre più ristretti ma è possibile comunque avere un giardino o un orto: arriva il verde verticale!

Verde verticale: nuova moda degli orti urbani

Verde verticale
Che gli orti urbani siano di moda, si sa, ma in questo settore, sempre di più si sta puntando su innovazioni, idee geniali, risparmio e uso intelligente degli spazi che in città, e nello specifico sui nostri balconi, sono davvero pochini!
Ecco allora il verde in verticale, ovvero come utilizzare al massimo il poco spazio che abbiamo a disposizione, al meglio del meglio!
Gli architetti del verde, non hanno dubbi a riguardo: anche un piccolo terrazzo o un piccolo balcone con volontà e ingegno, possono essere trasformati in orti da far invidia ai vostri amici.
Oltre che essere molto pratici i giardini verticali sono davvero molto utili, poiché permettono di coltivare le nostre piante preferite, da quelle aromatiche ai pomodorini e l’insalatina. Inoltre hanno il vantaggio estetico di rendere gradevoli gli appartamenti, coprendo con il verde pareti brutte e rovinate magari da agenti atmosferici.

Vantaggi dal punto di vista urbanistico
I giardini verticali oltre che per uso e consumo domestico, dal punto di vista urbanistico si stanno sempre più estendendo, poiché in realtà i vantaggi di cui ne possiamo trarre come cittadini sono davvero tantissimi.
Vi sarà capitato di vederli, intere pareti di grandi edifici, completamente ricoperte di verde, inserito non a caso, molto curato e con diverse finalità, tra le quali:

  • assorbire i raggi UV
  • assorbire C02
  • assorbire calore e quindi risparmiare energia poiché la costruzione è più fresca.

Come fare un giardino verticale?
Si parte dall’acquisto di pannelli modulari, di solito quadrati, in cui sono posizionate a vari livelli delle mensole, su queste poggeranno i vasi o le fioriere.
A vostro vantaggio la manualità, se presente vi porterà dritti nel primo negozio di “fai da te” o bricolage e lì acquistare tutto ciò che vi occorre per costruirvi da soli, mensole, ripiani, quadri in cui inserire o appendere con ganci i vari vasi.
Munitevi di paletti o spalliere di plastica, per dare il giusto sostegno alle piante, e poi fili di raffia, con i quali delicatamente e senza danneggiare la pianta sia possibile legare ove occorre.

Piante rampicanti
Ma è anche bello coprire le pareti sempre in modo verticale con piante rampicanti, come ad esempio l’edera, in questo caso si potranno abbinare, grazie ad appositi sostegni, altre piante come ad esempio gerani ricadenti o Surfinia, belle e colorate vi permetteranno di avere pareti allestiste a festa primaverile!
Altre piante che si prestano sono ad esempio la passiflora, oppure il profumato gelsomino.
Per chi non ha esattamente il “pollice verde” ma amerebbe il verde verticale comunque consiglio piante molto semplici, che non hanno bisogno di grandi cure, come ad esempio l’edera, o la vite americana, o ancora il potos, che in breve tempo crescono  e danno subito quella bella macchia verde sulla parete. Inoltre non temono gli sbalzi di temperatura (soprattutto l’edera).
Tra queste consiglio anche il finto gelsomino, tecnicamente chiamato “gelsomino rhincospermum”.
Orto verticale
Curare le piante come terapia
Curare delle piante, vederle fiorire, raccogliere delle fragole o qualche pomodorino è una bellissima soddisfazione, rilassa molto, permette alla mente di staccare dai problemi del quotidiano, di evadere in modo del tutto naturale.
È una delle pratiche terapeutiche che mi sento davvero di consigliare, in fondo avere le mani sporche di terra è bello, poiché ci collega a uno degli elementi più antichi in cui l’uomo è  a  forte contatto.

Di © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami