Home » Casa / Cucina » Vivere la Casa » Umidità in casa: fai così per eliminarla - Parte 1 di 2

Umidità in casa: fai così per eliminarla

Seguendo alcuni consigli è possibile minimizzare o eliminare totalmente l'umidità in casa. Ecco come

Umidità in casa: fai così per eliminarla

Durante l'autunno, quando ancora non si accende il riscaldamento, ma anche per tutto il periodo freddo, l'umidità in casa può generare molti fastidi. È meglio correre subito ai ripari, senza attendere che compaiano segni evidenti come le tracce di muffa - eliminabile comunque con semplici rimedi fai da te - negli angoli o nelle fughe delle piastrelle.
Quando la pioggia accompagna molti giorni, per il numero ridotto di ore di sole è possibile una eccessiva concentrazione di umidità. È fondamentale se non eliminare, ridurre al minimo l'umidità in casa per evitare problematiche e danni alla struttura, ma anche più o meno seri problemi di salute soprattutto legati alle vie aeree.

 

Dunque, che fare? Basta seguire alcune, semplici, regole.

Arieggiare le stanze
Anche se fuori è freddo è fondamentale che la casa “prenda aria”. Soprattutto con gli infissi di ultima generazione, che sigillano alla perfezione "isolando" gli ambienti, è strategico aprire le finestre per almeno un paio di ore al giorno. Ogni stanza necessita questa attenzione, ma soprattutto quelle dove si crea più umidità, come i bagni e la cucina. Se possibile scegliete le ore in cui il sole batte sulle finestre per sfruttare l'aria più calda e secca e se riuscite a creare corrente potete anche ridurre il tempo di arieggiatura delle stanze.

 

Niente ristagni di acqua in casa
Evitate qualsiasi ristagno di acqua in casa, dai vasi di fiori o piante, alle pentole o altri contenitori lasciati da lavare. Anche quando fate il bagno o la doccia, meglio svuotare in fretta la vasca e la doccia, azionando la ventola se il bagno è cieco o aprendo la finestra appena terminato.

In cucina, usare la cappa
Quando cucinate, anche semplicemente per far bollire l'acqua della pasta, meglio usare la cappa aspirante, soprattutto se non avete possibilità di aprire la finestra. Se la cottura poi è lunga e protratta, serve ad evitare che si formi vapore inutile che ristagni nella stanza: la maggior umidità in casa arriva dalla cucina, quindi è importante non trascurare questa possibilità.

Di , © Riproduzione Riservata

PAGINA 1 DI 2
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS

Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]  

Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami