Home » Casa / Cucina » Vivere la Casa » Rimedi ecologici fai da te per piante

Rimedi ecologici fai da te per piante

Come prendersi cura delle piante di casa senza dover ricorrere a prodotti chimici, ma con veloci e semplici accorgimenti

Rimedi ecologici fai da te per piante

Le nostre amatissime piante arredano la casa, donano energia, assorbono dall’aria le sostanze tossiche evitando di farcele respirare e ci fanno sentire nella natura pur rimanendo seduti comodamente in poltrona. Però, proprio come tutto ciò che amiamo, necessitano di cure, specialmente se presentano alcuni problemi causati da cause diverse, vediamo quali e come risolverli.
In casa disponiamo di rimedi semplici ed efficaci, ma soprattutto ecologici e naturali, grazie ai quali è possibile risolvere i problemi più comuni che possono affliggere le piante, senza acquistare prodotti chimici.

Foglie gialle? Via libera all’aceto
Si tratta di una problematica molto diffusa alla quale a volte non sappiamo dare una risposta giusta, è invece sufficiente seguire questo primo semplice consiglio per evitare il brutto ingiallimento che porta inevitabilmente sofferenza all’intera pianta. La sera riempite un innaffiatoio da 5 litri di acqua del rubinetto alla quale basterà aggiungere mezzo bicchiere di aceto bianco o rosso (entrambi vanno bene, anche se quello bianco è utile per moltissime altre cose in casa: Detersivi fai da te per cucina, pavimenti ed armadi). Lasciate riposare per l’intera notte e la mattina successiva procedete con l’annaffiatura, evitando di somministrare l’ultimo litro nel quale si sarà depositato il calcare. L’acqua molto calcarea è un problema per le piante per il semplice fatto che impedisce l’assorbimento del ferro, di vitale importanza per mantenere il verde naturale.

 

Cocciniglia? Attaccate con  l’olio di semi
Un altro problema, questa volta non solo estetico, è rappresentato dall’attacco da parte della cocciniglia, un piccolo ed insidioso insetto, che può essere combattuto con qualche goccia di olio di semi o di girasole o di arachide.
Con un contagocce si dovrà procedere a versarne una goccia su ogni insettino e, passata una settimana, questi si staccheranno dalla pianta. L’olio chiude i pori del dorso e non permette più loro di respirare. Se ciò non dovesse accadere subito, ripetete una seconda volta; attenzione però a non esagerare con l’olio perché potrebbe causare danni alla stessa pianta.

 

Formiche? Combattetele con la naftalina
Avete presente quelle laboriose e instancabili formichine? Tanto apprezzabili per il loro operato infinito, ma a patto che non siano troppo vicino a casa nostra, o peggio all’interno di uno dei nostri vasi contenenti le nostre amate piante. Cosa fare in tal caso? Basterà prendere una piccola pallina di naftalina, sbriciolarla finemente e inserirla all’interno della loro tana: regalo poco gradito, che causerà la dipartita dei piccoli insetti i quali finalmente abbandoneranno la nostra pianta.

 

Lumache mangione? Prendete il cotone
Per chi ha in atto la creazione di un piccolo orto o la cura delle piante in generale, sappiate che in estate e in primavera vi potreste imbattere in piccole e graziose lumache, seppur fastidiose! Poiché mentre di notte noi dormiamo loro mangiano e rosicchiano le foglioline, al mattino i segni del loro passaggio si vedono eccome. Cosa fare? Basterà prendere del semplice cotone idrofilo, posizionarlo alla base dei rami, vicino ai piccioli, e questa naturale barriera le fermerà nelle loro scorribande notturne, perché i fili del cotone si attaccano alla bava della lumaca bloccandola.

Di , © Riproduzione Riservata
TAG  piante casa  
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami