Home » Casa / Cucina » Vivere la Casa » Imbiancare casa: le regole e i consigli per non sbagliare - Parte 1 di 3

Imbiancare casa: le regole e i consigli per non sbagliare

E' possibile ridipingere le pareti di tutta la casa senza che diventi un incubo semplicemente seguendo un certo ordine ed alcuni consigli

Imbiancare casa: le regole e i consigli per non sbagliare

La bella stagione è il periodo ideale per imbiancare casa e dare una “rinfrescata” all'ambiente.
Le pareti si sporcano nonostante l'attenzione a causa del riscaldamento, della polvere e se poi avete bambini... lo sapete.
Se volete semplicemente ridare ai muri il loro colore originale oppure cambiandolo totalmente per rinnovare gli ambienti, non immaginatelo come una fatica sovrumana.
Basta seguire poche e semplici regole e con un po' di pazienza si può ridipingere casa velocemente e sporcando poco.
Parliamo però di semplice imbiancatura o se vorrete fare delle bande verso il soffitto o nella camera dei bambini o delle stanze più colorate.


Materiale
Importantissimo per imbiancare casa è avere a disposizione tutto il materiale adatto. Non è solo la vernice che dovrete scegliere a vostro gusto ed in corretta quantità, ma anche il nastro adesivo, i teli per ricoprire le cose che non potete spostare. Ricordate che più si copre e meno si pulisce dopo, non crediate quindi di risparmiare non comprando le coperture. Una scala alta è fondamentale.

Calcolo della vernice: sappiate che ci vuole 1 litro di vernice per ogni 25m2 di superficie da dipingere. Quindi prima cosa va calcolata la dimensione (con la calcolatrice è facilissimo) da pitturare, non serve un conteggio al millimetro, ma va bene approssimando. Non dimenticatevi di includere il soffitto e potete sottrarre le porte e finestre che ovviamente non vanno dipinte. Attenzione se dovete dare più mani (una non basta mai) e se dovete ricoprire un colore intenso ne servono anche quattro.

Pennelli: rullo grande per i soffitti e le grandi pareti, un pennello grande per gli angoli e le zone più ristrette, un pennello piccolo per le bordure e le zone difficili (termosifoni e interruttori). Se fate bande o strisce di dimensioni ridotte potete anche scegliere i rulli piccoli al posto di un pennello.

Nastro e coperture: il nastro non basta mai, sappiate che dovete ricoprire tutti i bordi che andrete a toccare con la pittura come gli infissi delle finestre, stipiti delle porte, zoccolini dei pavimenti e poi vi serve per fissare i teli da rivestimento. Ed anche le coperture (meglio quelle in plastica usa e getta, se non le userete tutte vi serviranno per la prossima volta, non deperiscono. Non pensate di usare vecchi lenzuoli, la stoffa assorbe e la vernice potrebbe passare attraverso.

Stucco e carta vetrata: un poco di stucco serve sempre, vi accorgerete di piccoli buchi, angoli rovinati, imperfezioni che vanno riempite con lo stucco e passare poi con la carta vetrata per livellarle correttamente.

Altro materiale: usate i guanti e magari anche la mascherina, la vernice può sempre, anche senza avere basi tossiche, irritare le vie respiratorie.

Di , © Riproduzione Riservata

PAGINA 1 DI 3
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami