Home » Casa / Cucina » Vivere la Casa » Come lavare le mascherine in tessuto

Come lavare le mascherine in tessuto

Le mascherine di tessuto sono ecologiche ma vanno lavate e mantenute in condizioni ottimali. Ecco come

Come lavare le mascherine in tessuto

Durante questo periodo di pandemia da Covid-19, ci ritroviamo a portare le mascherine come difesa.
Probabilmente abbiamo imparato a destreggiarci tra i vari tipi: quelle chirurgiche, le ffp1, 2, 3 e 4 e poi quelle in stoffa.
Se le altre non sono lavabili, quelle in tessuto invece lo sono, anzi, ne è la caratteristica che spesso le fa preferire perché riutilizzabili, evitando quindi di generare rifiuti.
In alcuni casi, sono anche diventate un oggetto da scegliere come accessorio, però come le gestiamo? Quando e come lavarle al meglio senza che perdano la loro efficacia?


Credits: Foto di @engin_akyurt | Pixabay
Diversi tipi di tessuto
Meglio prima differenziare i tipi di tessuto che si possono incontrare per le mascherine di stoffa che vi ricordiamo, per essere una barriera anti-covid, devono essere certificate. Possono poi essere realizzati in 100% cotone (più strati uno sull'altro), oppure in tessuti “tecnici”, spesso si tratta di mascherine più leggere ma sempre efficaci. Se non avete le istruzioni, queste sono le indicazioni principali.

Ogni quanto vanno lavate?
Le mascherine, se non si possono lavare dopo ogni volta che si indossano, devono essere almeno igienizzate. Ovvero, appena dismesse è utile spruzzarle di disinfettante (con almeno il 70% di alcool) oppure va bene anche l'alcool puro. Dopo usate qualche goccia di olio profumato, così si elimina l'odore di alcool. Riponetele poi in un sacchetto di carta in attesa di riusarle.

Certamente però, dopo qualche giorno (2 o 3 al massimo) devono essere assolutamente lavate, non esagerate nel portarle continuativamente. Le mascherine di tessuto sono sicuramente più ecologiche ma bisogna prestare attenzione a mantenerle sempre pulite e disinfettate. Se la portate per molte ore al giorno, è fortemente consigliato il lavaggio quotidiano.


Credits: Foto di @anestiev | Pixabay
Lavaggio a mano o in lavatrice
Sicuramente se la mascherina ha un filtro inserito, va rimosso.

Se il prodotto è in tessuto di cotone meglio il lavaggio a mano, questo per preservare la mascherina, perché alle alte temperature, il cotone, spesso ritira. Più semplice per quelle in tessuto tecnico che possono anche essere lavate a 60°. In ogni caso mai scendere sotto ai 40° per un effetto un minimo disinfettante. Detersivi liquidi e antibatterici. Perfetto utilizzare se avete una asciugatrice ad alte temperature oppure potete ovviare con il ferro da stiro.

Se optate per il lavaggio a mano, l'acqua deve essere molto calda, prima però create una soluzione di acqua ed Amuchina, oppure alcool, a cui poter aggiungere solo un 20% o 30% di acqua ed immergete la mascherina per almeno 1 ora e poi procedete al lavaggio. Basta usare del sapone neutro, quello di Marsiglia va benissimo. Ugualmente se potete usare una asciugatrice impostate alte temperature, altrimenti procedete con il ferro da stiro.

Di , © Riproduzione Riservata
TAG  coronavirus  
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami