Home » Casa / Cucina » Vivere la Casa » Come far vivere a lungo i fiori recisi

Come far vivere a lungo i fiori recisi

Piccoli accorgimenti per avere una casa profumata e abbellita da vasi di fiori freschi in ogni stagione.

Come far vivere a lungo i fiori recisi

Per molte di noi non vi è niente di meglio che una bella casa in ordine, profumata con un bel mazzo di fiori appena acquistati  e sistemati in un bel vaso, in cucina o nel salotto. Ma si sa, i fiori recisi non hanno una lunga vita e, vuoi per il troppo caldo, l’aria condizionata o gli sbalzi di temperatura, spesso appassiscono in fretta offrendoci un quadro simil natura morta decisamente poco allegro.
Vi sono però alcuni piccoli e semplici accorgimenti che, se adottati, danno la possibilità di vedere il proprio mazzo di fiori bello e vivo per diversi giorni.
Ogni stagione, si sa, ha i propri fiori e i propri profumi: a maggio spendono nella loro bellezza le profumate e romantiche rose, in estate è una festa di fresie e di ortensie...che fare, dunque, perché durino a lungo?

 

Attenzione all'acqua

Il primo accorgimento, che per molti potrà sembrare banale ma non lo è affatto, è l’acqua: non deve mai mancare o essere poca, poiché se si pone un grosso mazzo in un vaso troppo piccolo i fiori non avranno abbastanza risorsa vitale e appassiranno in fretta. Deve essere sempre pulita: occhio allora alle foglie che eventualmente sono cadute, vanno tolte e l’acqua, così come per gli acquari, va sempre cambiata, almeno una volta al giorno. Quando arrivate a casa con il vostro mazzo profumato non dimenticatevi di metterli subito in un vaso o al limite in un secchio di acqua, se li dimenticate fuori dal loro elemento vitale non avranno molte chance di sopravvivenza.

 

Scegliere il contenitore giusto

I vasi vanno scelti con cura e attenzione, ad esempio in estate son perfetti quelli di colore chiaro, anche opachi, meglio se di ceramica o porcellana, il materiale incide moltissimo sulla vita del fiore che contiene, se è opaco  ridurrà il riscaldamento dell’acqua. Pulire le pareti interne del vaso evita la moltiplicazione dei batteri che potrebbero compromettere, se presenti, lo stato di salute dei fiori.


A che... altezza?

I gambi vano sempre recisi a “becco di flauto”, in questo modo l’acqua entra meglio dal canale naturale. Questo taglio è semplicemente obliquo, netto e deciso. Per effettuarlo usate delle buone forbici o delle cesoie, se il gambo è spesso tipo quello delle ortensie. Nel caso di gerbere e calle usate invece un semplice coltello, la cui lama non schiaccia il gambo molto delicato e sottile. Il gambo va accorciato ogni due o tre giorni, ma non tutti i giorni.
Il bouquet va messo all’ombra, non vicino a una finestra o a una fonte di calore, come ad esempio il forno microonde  o al calorifero acceso d’inverno.

 

All'aperto

Per una festa o un ricevimento all’aperto, le piccole o grandi composizioni andranno sistemate sui tavoli solo all’ultimo momento e non troppo in anticipo.
Anche in questo caso, come per i prodotti alimentari, è sempre bene leggere le etichette. Capita infatti di trovare al supermercato dei particolari e specifici corner, in cui sono disposti diversi mazzi di fiori recisi; all’interno vi si trovano delle etichette e anche delle bustine di un prodotto che va aggiunto appositamente nell’acqua, al fine di prolungare la durata e la bellezza del mazzo. E’ quindi il caso di seguire pedestremente le istruzioni riportate sull’etichetta.

Di , © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

3 COMMENTI   Vuoi lasciare un commento?

  1. Inviato da alemalla
     

    belle vero le composizioni? sono le creazioni artistiche di della mia sorellina!
    A. Mallarino

  2. Inviato da lucia42
     

    bello... gli fiori ti danno sempre un sorriso

  3. Una spiegazione veramente perfetta che mi sarà sempre utile ogni qualvolta che vorrò esporre i miei FIORI IN CASA GRAZIE.

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami