Home » Bellezza » Trucco » Smalto in gel o semipermanente? 5 cose da sapere!

Smalto in gel o semipermanente? 5 cose da sapere!

Preferite una manicure che duri il più a lungo possibile? Ecco 5 cose da sapere prima di... scegliere tra smalto in gel o semipermanente

Smalto in gel o semipermanente? 5 cose da sapere!

Quello delle unghie è un universo in continua... espansione. Tra tendenze di stagione (come le deliziose cow nails), manicure insolite o vere e proprie attacchi d'arte, impossibile non "vestire" le proprie unghie anche solo con un semplice smalto. In ogni caso, le opzioni sono due: o si ama il fai-da-te, cambiano colore di smalto (magari in pendant con vestito e trucco!) ogni qualvolta si desideri, o si preferisce un discorso professionale con un risultato che duri il più a lungo possibile senza problemi di "ritocchi" settimanali (o quotidiani?). Qualora si tenda a prendere questa seconda strada, resta da valutare se fare la ricostruzione in gel o l'applicazione semipermanente.

Scoprite con noi qual è l'opzione che fa per voi, valutando 5 cose da sapere prima della scelta!

1. Questione di durata

La ricostruzione in gel è una tecnica che consente di dare una nuova forma o lunghezza all'unghia. È una manicure molto resistente e consente di avere unghie perfette per un mese. Lo smalto semipermanente è impeccabile per circa 2 settimane.

 

2. Perfetto per chi ha "problemi"

Il gel è una "ricostruzione" che permette anche di cambiare forma dell'unghia. Quindi è perfetto se si hanno unghie rovinate (anche in caso di onicofagia), fragili, che tendono a spezzarsi o se sono molto corte

 

3. Lo smalto semipermanente è più economico

I costi e i tempi di realizzazione di un semipermanente sono inferiori rispetto a quelli della ricostruzione in gel. Una seduta di quest'ultima ha un costo medio di circa 60 euro e richiede un paio di ore di lavoro. D'altro canto rimane perfetta per un mese, dunque ha comunque un vantaggio rispetto al semipermanente.

 

4. Si toglie facilmente?

La rimozione del semipermanente non richiedendo una limatura profonda (indispensabile, invece, per il gel), prevede il solo utilizzo di un solvente apposito (quello per gli smalti "soak-off" giacché il classico solvente non basta). Quindi è meno invasiva e non decisa. Ovviamente i prodotti non devono essere di qualità scadente e sempre rispettosi della salute dell'unghia.

 

5. L'esposizione ai raggi UV è dannosa?

L’esposizione alla lampada led con raggi ultravioletti - indispensabile sia per il gel sia per il semipermanente, per fissare e indurire il prodotto - non è prolungata, anzi. Inoltre, deve riguardare soltanto solo l’area dove il gel è posto sulla lamina ungueale e che, sotto l’azione dei raggi ultravioletti, si fissa sull’unghia e si indurisce.

Di , © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami