Home » Bellezza » Corpo » Skinimalism, la beauty routine "essenziale"

Skinimalism, la beauty routine "essenziale"

Basta skincare in più fasi, spesso complicata, lunga e a cinque stelle. Oggi, quotidianamente, la pelle va curata cura in modo essenziale e grazie a un numero minimo di prodotti

Skinimalism, la beauty routine "essenziale"

Cosmetici all'avanguardia, ingredienti per creme ed emulsioni che sono riflesso di approfondite indagini e ricerche, per viso, corpo e capelli. Il mondo della bellezza proprone sempre più accattivanti e vincenti soluzioni, in grado di mettere all'angolo il tempo che scorre, idratare in profondità, nutrire, lenire e, in una parola sola, "coccolare" la pelle. Da mattina a sera e in caso di situazioni particolari, il beautycase deve rispondere a numerose esigenze, custodendo più di un prodotto. Se, su esempio delle gentili signore coreane dalla pelle color luna, la skincare quotidiana non dovrebbe avere limiti di tempo (e di denaro, aggiungiamo noi), oggi a stare davvero al passo con i diktat più modaioli è, invece una concezione più "minimalista" del rituale di bellezza quotidiano da dedicare alla pelle. Il termine adatto per definirla è, appunto, skinimalism.

 

Necessità fa virtù

Padre dello skinimalism è stato il lockdown e, in generale, la necessità di stare più in casa che fuori dovuta al diffondersi del Coronavirus. In smart working tute e snackers fanno da padrone e, seppur paradossalmente il tempo per dedicarsi alla bellezza ci starebbe, un generale senso di pigrizia ha pervaso anche la cosiddetta skincare. Questo non significa di dover rinunciare alla cura quotidiana ma, di certo, è stato un motivo per ottimizzarla e definirla meglio. Una curiosità: Il termine skinimalism nasce su Pinterest che, in tempi non sospetti, lo aveva annunciato tra i beauty trend di questo nuovo anno.

Credits: Foto di @Jill Wellington | Pixabay

 

Gli indispensabili?

Seppur ridotta a zero, cosa deve garantire una cura della pelle quotidiana? Gli esperti sostengono che ci si debba orientare verso tre momenti necessari: pulizia, idratazione e protezione. Si tratta di tre operazioni necessarie e insostituibili. La detersione, mattina e sera, consente di asportare dalla pelle residui di trucco e smog; l'idratazione "disseta" la cute regalandole morbidezza e contrastandone l'inaridimento; infine la protezione: far sì che la pelle abbia uno scudo grazie alla crema contenente un adeguato fattore protettivo, significa darle buone armi contro lo scorrere del tempo. Cosa, dunque, dovrebbe contenere un beautycase "minimalista"? Di certo un prodotto detergente e un'acqua micellare, una crema o emulsione da scegliere a seconda del proprio tipo di pelle, ricca di vitamine e fattori idratanti, e un prodotto contenente un fattore di protezione adeguato. Come, ad esempio, un fondotinta di ultima generazione.

 

Perché "funziona"?

Ottimizzare la beauty routine, evitando il superfluo potrebbe risultare un vero e proprio toccasana per la pelle: utilizzare troppi prodotti infatti, non sempre è sinonimo di benessere. Anzi, può causare irritazioni, comparsa di discromie e occlusione dei pori. E poi, volete mettere il risparmio? Trovare pochi ma essenziali prodotti ad hoc, significa di certo garantire alla pelle le coccole migliori, ma al contempo non incidere sul budget con soluzioni non sempre indispensabili.

Di , © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami