Home » Amore » Relazioni / Sentimenti » Dimenticare l'ex: è possibile?

Dimenticare l'ex: è possibile?

Dopo la fine di una storia alcune persone non riescono a voltare pagina e rifarsi una vita. Quali sono i motivi?

Dimenticare l'ex: è possibile?

Anche a distanza di tempo dalla fine di un amore certe persone non riescono a togliersi dalla mente l'ex compagno, e di fronte a nuove conoscenze e nuovi partner il paragone è continuo. Sembra che nessuno possa essere come lui e non si chiude mai con il passato. Perché alcune persone riescono a voltare pagina ed altre no? Cosa impedisce di dimenticarsi dell'ex?

Il distacco è doloroso
Quando finisce una storia nella quale abbiamo investito molto è normale vivere il distacco in modo intenso perché le persone si trovano davanti a una situazione che è cambiata, una nuova realtà in cui si è costretti a vivere rinunciando a ciò che avevamo avuto fino a quel momento. Bisogna perciò fare i conti con la mancanza di amore, affrontare la destrutturazione dell'individualità e confrontarsi con i nostri aspetti narcisistici che difficilmente accettano di non essere più amati.
Per questo è normale che dopo una storia importante siano necessari dai 6 mesi all'anno per elaborare il “lutto” e piano piano ci si ricostruisce una nuova vita, con nuovi progetti. Se così non è, però, la situazione diviene patologica.

Credits: Foto di @Fotorech | Pixabay
Meccanismi di difesa
Ci sono persone che dopo la rottura di un rapporto amoroso continuano a vivere nel passato idealizzando l'ex e la storia, e pare che nulla e nessuno possa entrarvi in competizione. La storia conclusa viene perciò vissuta come un'esperienza unica un modello perfetto sul quale plasmare i rapporti successivi che per questo stesso motivo non possono avere una loro identità. Solitamente è un atteggiamento tipicamente femminile, legato alla tendenza ad essere troppo mentali. In realtà però è una difesa per non rimettersi in gioco nuovamente perché confrontarsi con un partner che non c'è non fa correre il rischio di affidarsi a qualcuno che potrebbe arrecare nuova sofferenza.

Non si è autonomi affettivamente
L'incapacità di vivere la fine di una relazione dipende solitamente da caratteristiche personali che hanno a che fare con la nostra infanzia e con la mancanza di insegnamento da parte dei genitori di un'autonomia affettiva.
Fin da piccoli bisogna essere stimolati a capire quali risorse abbiamo e essere apprezzati e valorizzati per queste; solo così, con le attenzioni, l'affetto e l'approvazione della famiglia si sviluppano fiducia in sé e autonomia affettiva.
Chi invece ha avuto genitori iperportettivi, ansiosi e angosciati dal mondo spesso cresce con l'idea di non potercela fare da soli e appena si trova un partner ci si affida completamente a lui. Così poi nel momento del distacco dalle persone amate si vive la cosa in maniera drammatica.

Altri elementi che ci lasciano attaccati al passato
Oltre alla struttura di personalità ci sono altre situazioni che portano l'individuo a staccarsi con difficoltà dal passato. Se per esempio la storia si è conclusa bruscamente, la persona può restare spiazzata e avere difficoltà a rielaborare correttamente la separazione. Anche se è rimasto qualcosa in sospeso come pensieri non detti, può portare l'individuo a volere dei chiarimenti. In questo caso può essere utile un confronto con l'ex per comunicarsi ciò che non si è detto, ma deve essere un atto simbolico, fatto per se stessi e non con la speranza di riallacciare il rapporto.

Credits: Foto di @albertoadan | Pixabay
Per superare la rottura
Per imparare a superare la fine di una storia e uscirne più forti è necessario:

  • vivere il dolore
  • disconnettersi dall'ex (eliminare contatti, social network, situazioni in cui potremmo vederlo)
  • riscoprire nuovi spazi personali
  • non isolarsi
  • cercare spunti per un'autoanalisi
  • capire gli aspetti negativi della relazione e dell'ex

Di © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami