Home » Amore » Coppia » Tradimenti estivi: quando la moglie (o il marito) è in vacanza

Tradimenti estivi: quando la moglie (o il marito) è in vacanza

Flirt estivi, amori fugaci, tradimenti in vacanza o quando il partner è in ferie sono argomenti superati? Da un recente sondaggio, sembra proprio di no

Tradimenti estivi: quando la moglie (o il marito) è in vacanza

Un tempo un proverbio diceva “agosto, moglie mia non ti conosco”, riferito all'estate e ai tradimenti. Perché, si sa, in estate non arriva solo il caldo, il mare e il divertimento, ma anche la voglia di trasgredire. Se però un tempo erano gli animatori e i bagnini a mettere in crisi i matrimoni, oggi le scappatelle estive possono capitare soprattutto a chi rimane in città con i colleghi di lavoro. Lo rivela un'indagine dello Ies, Istituto di Evoluzione Sessuale.

Ma cosa pensano uomini e donne dei flirt estivi?

Ad agosto è più facile tradire
Dopo un lungo e freddo inverno, in estate è più facile pensare al tradimento e agli amori estivi; complice il sole, il caldo, il corpo scoperto. E a tradire di più pare siano gli uomini, attratti dalla “carne” messa in mostra sulle spiagge, ma anche in città. Secondo l'indagine il 27% dei maschi intervistati dice che in estate si tradisce di più perché si fatica a resistere agli stimoli visivi e si sa che gli uomini reagiscono maggiormente ad essi rispetto alle donne.
Solitamente poi, nei mesi estivi anche le coppie più collaudate tendono a dividersi per un periodo; molti fidanzati per esempio non rinunciano alla vacanza con gli amici, le coppie con i bambini per il bene dei figli spesso decidono di separarsi per alcune settimane e la mamma parte per il mare con i piccoli lasciando solo il marito in città. E se un tempo si pensava alla scappatella sotto l'ombrellone, oggi l'ambiente ideale sembra essere la città deserta e il luogo di lavoro, sia per l'uomo che per la donna, che hanno campo maggiormente libero per coltivare amori in ufficio.

Problemi già esistenti?
Le scappatelle estive non accadono senza un perché; quasi sempre infatti, è la goccia che fa traboccare il vaso, mettendo in evidenza problemi che erano già presenti da tempo nella coppia. Solitamente cercare un'altra persona è sinonimo di insoddisfazione e vuol dire che non sono stati affrontati problemi nella coppia. Delle verità sul tradimento poi ci siamo occupati più approfonditamente in questo articolo: Verità sul tradimento.

Quando la moglie è in vacanza
Quando è salutare
In alcuni casi, tuttavia, se il tradimento porta alla rottura definitiva, in altri può rivelarsi salutare perché porta alla luce dinamiche conosciute ma mai analizzate correttamente e che, proprio alla luce, possono essere affrontate con uno spirito nuovo per migliorare il rapporto di coppia. Ripartire ed uscire da un tradimento si può solo se si ha la forza di cambiare, in caso contrario meglio la rottura.

Confessare o no?
Tenere segreto il flirt, anche a costo di negare l'evidenza? È ciò che pensa il 75% degli uomini e il 62% delle donne intervistate. Se ammettere è sempre indice di sincerità e maturità, non sempre si rivela un'arma vincente, perché confessarlo può anche essere un modo per fare male all'altra persona, provocando una cicatrice che difficilmente si rimarginerà.
Quindi per chi decide di vivere la scappatella come tale e non rivelarla all'altro è bene seguire alcuni accorgimenti:

  • non dimenticarsi le precauzioni anticoncezionali: ciò che è stato un divertimento momentaneo, se non si sta attenti, potrebbe diventare un incubo a causa di gravidanze indesiderate o malattie sessuali 
  • evitare i social network, postando foto su Facebook e simili
  • attenzione al telefonino, se una scappatella vuole rimanere tale meglio cancellare qualunque contatto con la persona che ci ha fatto perdere la testa in vacanza.

Di , © Riproduzione Riservata
TAG  tradimento   estate  
CONDIVIDI

2 COMMENTI   Vuoi lasciare un commento?

  1. Inviato da frescone17
     

    Dipende dal rapporto che si instaura nella coppia. Oggi i costumi sono molto cambiati, se il cosiddetto "tradimento" ha spiegazioni del tipo: "E' riuscito/a ad eccitarmi,... ciò che è lasciato è perso..., piace e non si paga nulla..., perché l'autoerotismo si e uno sfizietto naturale no?, ecc. e si conclude (ma sinceramente) con un "Ma nel mio cuore ci sei solo tu" non vedo nulla di peccaminoso. Anzi, a volte in un rapporto "stanco" certe evasioni eccitano la fantasia. Confessarlo al/alla partner? Anche qui vale il "Dipende dal tipo di rapporto e dalla intelligenza" dei due.

  2. Inviato da red_fox
     

    cofessare

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami