Home » Amore » Coppia » Matrimonio e separazione: due facce della stessa medaglia

Matrimonio e separazione: due facce della stessa medaglia

Negli ultimi anni si è registrato un sensibile aumento dei costi per il matrimonio e per la separazione: vediamo cosa è cambiato

Costi Matrimonio
Dalle ultime stime compiute da Federconsumatori, nel 2009 si è verificato un aumento del 6% per le spese legate al matrimonio, cerchiamo di vedere e conoscere meglio i particolari, ma lo stesso si potrebbe dire per le separazioni che sono in aumento soprattutto nelle grandi città e che rappresentano sicuramente un motivo di preoccupazione dal punto di visto monetario, viste le spese che spesso vanno sostenute.

Organizzare un matrimonio di tipo “classico”, cioè con una media di circa cento persone invitate: saranno da prendere in considerazione gli addobbi floreali, il servizio fotografico, il vestito per gli sposi, il pranzo o il rinfresco, il viaggio di nozze, le bomboniere ecc.
10 anni fa circa sposarsi aveva un costo, considerando tutte le voci sopra menzionate, di circa 20.000 euro, quest’anno, cioè nel 2009, a parità di matrimonio le spese salgono a quasi 51.000 euro.

Ovviamente il costo totale è costituito da un insieme di fattori, diciamo da una sorta di torta, dove ovviamente incidono parecchio il numero totale degli invitati, per ciò che concerne la spesa complessiva del ristorante, ma anche tutti gli altri “accessori”.

Molte coppie prima di sposarsi decidono di optare per il pagamento a rate di molte cose, tra cui, il televisore, magari ultimo modello superpiatto, tanto di moda ora, oppure all’acquisto dell’arredamento o della macchina nuova.

Costo del matrimonio

Trucchi per risparmiare nell'organizzazione del matrimonio

Visti i tempi che corrono sempre più coppie si stanno orientando su un’idea di matrimonio “al risparmio”, le ultime news a riguardo?

  • Partecipazioni inviate via email o via sms: lontane dal galateo, ma per qualcuno rapide e indolori per il portafoglio! Una media di quasi 400 euro risparmiati per la tradizionale versione cartacea, comprensiva di francobollo,  contro i 15 euro spesi via sms.
  • Abito: ecco venire incontro a braccia aperte i fascinosi e accattivanti outlet, che affiancano alle più famose griffe di jeans, modelli fine serie,  e campionari di abiti da sposa, ad un costo sicuramente più sostenibile.
  • Bomboniere: a proposito di sostenibilità ecco l’idea nuova e fresca a stampo sociale: le bomboniere solidali. Esistono parecchie associazioni e enti di tipo non profit ai quali è possibile rivolgersi per questo incarico, dove è possibile aiutare anche a distanza chi davvero ne ha bisogno.
  • Viaggio di nozze: La convivenza prematrimoniale fa sì che molte coppie arrivino al matrimonio, con la casa già arredata, ecco allora l’idea che ormai si va diffondendo sempre più di farsi regalare, attraverso una colletta tra amici e parenti, il viaggio di nozze dei sogni, in posti esotici o selvaggi.
  • Auto per la cerimonia: Per l’automobile c’è chi romanticamente si affida a carrozze trainate da fiabeschi cavalli bianchi, che poi alla resa dei conti, fanno cadere dalle nuvole alla terra reale, mentre per altri è molto più pratico, fare un giro di telefonate, e senza tante leziosità, domandare a amici e parenti di imprestare la macchina più elegante, giusto per quel giorno speciale.
  • Foto: E le foto? In qualsiasi famiglia e compagnia di allegri amici, c’è sempre chi ama scattare foto, ecco la possibilità di ingaggiarlo, come fotografo ufficiale a costo zero, ovviamente non si dovrà magari fare troppa attenzione se qualcuno verrà fotografato senza piedi, o sfocato!



Costo per la separazione
Costi per la separazione

Dopo i festeggiamenti, il viaggio di nozze, per alcune coppie il tempo non porta sempre rose e fiori, o meglio la frase “se son rose fioriranno” a volte non funziona, poiché alcune rose proprio perdono i romantici profumi, ecco per molte coppie a volte anche dopo pochi anni di matrimonio si passa dalla Chiesa o dal Comune…all’avvocato.
Sono note dolenti quelle della separazione ma reali e concrete, purtroppo per diverse coppie, qui è l’associazione di consumatori Adoc, che si è addentrata in questa interessante ricerca, per valutare quanto possa costare una separazione o un divorzio.
I dati raccolti partono da una cifra poco sopra i 3.000 euro fino a una cifra più sostanziosa pari a 23.000.
Nel caso di “rottura” della coppia subentra come prima voce, a un costo diciamo base, il legale (1300 euro), al quale poi vanno a seguire le spese per il riappropriamento degli elettrodomestici.
Ma molti hanno poi bisogno di essere supportati in questo che a detta degli psicologi è comunque una “forma di lutto” poiché legata alla separazione da chi un tempo abbiamo amato. Ovviamente l’aiuto e il contributo dello psicologo è un’altra voce economica che si andrà ad aggiungere, in maniera diversa in base al numero di sedute e quindi alla durata complessiva.


Poi si passa agli assegni di mantenimento (circa 500 euro al mese), ai nuovi mutui, per le nuove case, e via dicendo, insomma perSeparazione arrivare a più di 20.000euro non è poi così tanto difficile. Basti pensare che se ad esempio il mutuo è ancora in essere, solitamente la madre con i bambini resta nella casa dove si è acceso il mutuo, e la rata del mutuo va a sostituire l’assegno familiare
La media stimata dalla ricerca dell’Adoc dice che un matrimonio ha una durata dai 7 ai 12 anni, in tutti questi calcoli chi ne paga la conseguenza psicologica maggiore sono comunque i figli che vedono andare in frantumi tutta una serie di punti di riferimento.
In questo lancio, che sia testa o croce, la medaglia paga sempre!

Di © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami