Questo sito contribuisce alla audience di
 Home » Tempo Libero » Viaggi / Vacanze » Cambogia: le tappe da non perdere

Cambogia: le tappe da non perdere

Un Paese che piano piano sta ricucendo le ferite causate dai Khmer rossi, un luogo dove la gente comunque sorride pensando al futuro: non solo città e siti storici, ma anche villaggi dell'entroterra abitati da minoranze etniche e piccole isole bagnate da un mare cristallino

Cambogia: le tappe da non perdere

Molte persone sanno a malapena dove si trovi questo Paese asiatico, eppure negli ultimi anni tale luogo si sta aprendo al turismo grazie alla bellezza dei suoi siti storici, alle catene montuose inesplorate, ai villaggi sperduti e soprattutto il merito va alla popolazione che, nonostante le barbarie ricevute durante gli anni del regime di Pol Pot, riesce ancora a sorridere e a far sentire chiunque a proprio agio!
Solitamente chi si reca in Cambogia non resta più di 12 giorni, sicuramente sufficienti a visitare le principali località, tuttavia restare di più significherebbe riuscire ad avere il tempo per vedere anche posti remoti fuori dai circuiti turistici.
Ma quali sono le tappe assolutamente imperdibili se si decide di venire qui? E quali se avrete più tempo?
Vediamo di seguito le nostre proposte per chi vuole seguire un itinerario classico.

  • Siti di Angkor
    Potrà sembrare banale, ma venire in Cambogia e non recarsi ad Angkor è un po' come andare a Roma e non vedere il Colosseo!
    Si tratta di un grande circuito di templi alcuni molto famosi, altri meno: il consiglio è di recarsi all'ingresso di Angkor Wat la mattina molto presto per ammirare un'alba spettacolare ( se sarete fortunati con il tempo), poi quando il sole si alzerà spostarsi a Bayon, uno dei templi più insoliti con immensi volti di pietra ed infine terminare con Ta Prohm, dove regna una natura selvaggia.
  • Tonle Sap
    Si tratta di un lago che può essere raggiunto partendo dalla capitale Phnom Penh, con un traghetto che dopo aver navigato lungo il fiume Mekong arriva qui, oppure con un bus da Siem Reap che conduce fino ad un imbarcadero.
    Una volta sul Tonle Sap non potete perdere la visita di alcuni villaggi galleggianti come Kampong Phluk dove la gente vive in case costruite su palafitte per il timore dell'innalzamento delle acque durante la stagione dei monsoni.
  • Phnom Penh
    La capitale della Cambogia non è particolarmente affascinante, ma bisogna venire qui se si vuole conoscere una pagina di storia poco nota a noi italiani.
    Merita una silenziosa e riflessiva visita la S21, un tempo scuola superiore usata dal regime nazionalista dei Khmer rossi come prigione, teatro di atroci violenze e sevizie, oggi sede di un museo. Da qui, dopo aver ascoltato i racconti con un audio guida, il consiglio è di dirigervi ai campi di sterminio di Choeung Ex, il luogo dove donne, uomini, bambini che arrivavano dalla S21 venivano uccisi a bastonate.
    Un recente passato che rattristerà il vostro viaggio, ma che è doveroso conoscere se si viene in Cambogia.
  • Koh Rong
    La degna conclusione di un viaggio in questo Paese è distendersi sulle spiagge di questa piccola isola, ancora poco frequentata, lambita da acque spettacolari e circondata da spiagge bianche .Prendetevi almeno un paio di giorni se volete rilassarvi e visitare le baie raggiungibili solo con una barca.


...Per chi ha qualche giorno in più...
Se decidete di restare in Cambogia qualche giorno in più ecco i posti che potrete aggiungere al tour classico!

  • Prasat Preah Vihear
    Un tempio unico non tanto per la sua bellezza, quanto per posizione; si trova sui monti Dangkrek, sul confine tra Cambogia e Thailandia e le sue mura sono a picco su un panorama incredibile!
  • Mondulkiri
    Nella parte est della Cambogia si trova la più selvaggia distesa di risaie e palme da zucchero, abitata dal popolo bunon che pratica riti animisti. In questi luoghi il modo migliore per spostarsi è a dorso di elefante seguendo i branchi che si muovono nella giungla.
  • Ratanakiri
    Una zona remota e incantevole nel nord est del Paese riservata a veri amanti del trekking ; qui si trova il Parco Nazionale di Virachey dove è possibile incontrare elefanti, gibboni e ci si può tuffare nelle cascate.

Di , © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]  

Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami